Ravanelli: “Juve sfortunata, ma questo non è calcio”

Per l'ex attaccante bianconero, la squadra di Conte non meritava di uscire dalla Champions League. “Il Galatasaray? Ha fatto due tiri in porta su un campo pessimo”

La gioia di Sneijder e Drogba a fine partita – Credits: OZAN KOSE/AFP/Getty Images

Dario Pelizzari

-

“La Juve è stata sfortunata. Non meritava proprio di uscire dalla Champions. Il Galatasaray ha fatto sua la partita con due tiri in porta su un campo pessimo. Questo non è calcio”. Per Fabrizio Ravanelli, ex attaccante al servizio della Juventus di Marcello Lippi, la sconfitta dei bianconeri a Istanbul si può spiegare soltanto chiamando in causa la malasorte.

Si dirà, Juve sfortunata a Istanbul ma poco pratica nelle gare precedenti.

“I pareggi in casa con il Galatasaray e Copenaghen potevano essere gestiti meglio, questo è innegabile, ma non cambiano i fatti. Se oggi c'era una squadra che doveva vincere, be', era certamente la Juve. Il Galatasaray ha avuto la fortuna di giocare su un campo pessimo, che non ha permesso alla squadra di Conte di mostrare le proprie qualità tecniche. I turchi hanno giocato palla lunga sulla testa di Drogba e a cinque minuti dalla fine hanno approfittato di un episodio a favore che ha cambiato la partita. E' una grande delusione, non lo nascondo. Ripeto, esce una squadra che non meritava di uscire”.

Cosa manca ai bianconeri per essere determinanti anche in Europa?

“La squadra esprime un grande gioco e ha ottimi giocatori, che tengono alla maglia e che oggi hanno fatto il possibile per passare il turno. D'accordo, magari avrebbe bisogno di un paio di rinforzi per fare davvero la differenza in Champions, ma già così è fortissima. A Istanbul è mancato un pizzico di fortuna, ecco tutto”.

A Istanbul è mancato anche Pirlo, fuori per infortunio. Quanto si è fatta sentire la sua assenza?

“Pirlo è un giocatore che sa verticalizzare bene e sa far ripartire la squadra al meglio. Pogba per me è più un interno che un centrocampista centrale. E' molto forte fisicamente e sa come recuperare il pallone, ma non è bravo come Pirlo a fare gioco”.

Juve fuori dalla Champions. Come ripartire?

“La Juve è reduce da due anni stratosferici e sono convinto che anche quest'anno farà molto bene. Ha i numeri per vincere il campionato e l'Europa League. L'importante in questo momento è non farsi prendere dallo sconforto. E' necessario essere lucidi e pensare al bicchiere mezzo pieno, analizzando le cose con la dovuta intelligenza e professionalità. La Juve è una signora squadra. E lo dimostrerà da qui alla fine della stagione”.

Twitter: @dario_pelizzari

© Riproduzione Riservata

Commenti