FC Internazionale v Real Madrid- International Champions Cup
Calcio

Draxler, Isco o Lamela: il tris Juve per accontentare Allegri

Mercato bianconero a caccia del centrocampista con la sensazione di una difficoltà a trovare l'ultimo tassello

Scattata con largo anticipo su tutte le altre, la Juventus pare essersi un po' incartata sul finale del calciomercato. Le partenze di Pirlo e Tevez erano state precedute e accompagnate dagli arrivi di Mandzukic, Dybala, Khedira e Rugani; un modo per dire alla concorrenza che le idee erano chiarissime e la rifondazione veniva guidata e non subita. Poi è stato il momento dell'addio di Vidal - ottimo affare dal punto di vista finanziario - e il meccanismo si è inceppato alla ricerca della nuova Juve. Con o senza il trequartista desiderato da Allegri? Il ko muscolare di Khedira ha fatto il resto, seminando di dubbi il percorso fino al debutto in campionato e Champions League che ora non è più così distante e al quale la squadra campione d'Italia rischia di arrivare incompleta. Senza '10', senza centrocampista di grande livello e senza esterno difensivo. Un rebus che Marotta e Paratici cercheranno di risolvere in tre mosse.

Tutto ruota intorno al trequartista. Cadute le opzioni di Oscar (incedibile per il Chelsea di Mourinho) e Gotze (che il Bayern trattiene malgrado i rapporti non idilliaci con Guardiola), rimangono gli altri candidati al ruolo che, nel frattempo, ha perso l'allegato della maglia numero 10 finita sulle spalle di Pogba. In pole c'è Julian Draxler e, come detto a fine luglio, la Juve non aveva fretta di farsi prendere per il collo dallo Schalke 04 e poteva attendere di dispiegare con calma la propria strategia economica. Il punto è che tra domanda e offerta rimane ancora un solco invalicabile legato alla diversa considerazione sulle condizioni fisiche del 21enne talento tedesco. Per lo Schalke costa 30 milioni cash, prendere o lasciare, per la Juve quei soldi possono arrivare solo attraverso un sofisticato sistema di bonus triennali con appoggio su compagnie assicurative che garantiscano la società. L'ultimo rilancio è 18 milioni subito e 9 legati al numero di presenze.

Nel frattempo sono state sondate altre strade. Quella che porta a Christian Eriksen, danese del Tottenham, pare essere tramontata sul nascere: prezzo alto (oltre 30 milioni di euro) e poca voglia degli inglesi di metterlo sul mercato. Erik Lamela, che gli Spurs venderebbero volentieri, ha quotazioni in ribasso ed è reduce da due stagioni non strepitose a Londra: da verificare il gradimento di Allegri che, invece, farebbe follie per Isco. Il giovane madrileno non ha un posto da titolare nella squadra di Benitez e potrebbe veder limitato il suo ruolo dall'arrivo di Kovacic. Le buone notizie, però, finiscono qui perché la sua quotazione è oltre il budget bianconero (40 milioni) e la volontà del Real Madrid di vendere un simbolo della giovane Spagna nell'anno dell'Europeo va verificata al di là degli scenari di mercato.

Insomma si torna alla casella di partenza con un'unica certezza. Da gennaio Allegri chiede un centrocampista con le caratteristiche di un '10' e a una settimana dall'inizio del campionato la Juventus non ha ancora soddisfatto questa esigenza. Per carità, nessun vento di crisi e nemmeno aria di tensione. Però i fatti sono fatti e Marotta si trova ora a inseguire una soluzione necessaria per dare compimento a una rosa che resta favorita in Italia, ma che è difficile al momento non considerare indebolita rispetto alla passata stagione.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti