DOSSIER - Il campionato di Juve e Napoli ai "raggi x"

Mazzarri furente per gli arbitraggi, Conte attento. Ecco tutti gli episodi del campionato

Le proteste dei giocatori del Napoli nella sfida con l'Udinese – Credits: Getty Images Sport

Giovanni Capuano

-

Dicono che Mazzarri sia furente per l'arbitraggio di Damato a Udine e che la frase sui due rigori negati e che avrebbero cambiato il corso della sfida contro l'Udinese sia il minimo sindacale a meno di una settimana da Napoli-Juventus. La partita scudetto del San Paolo nasce all'insegna dei veleni e dei sospetti. Pesano i precedenti di questa e dell'ultima stagione, dalla finale di Coppa Italia in poi. Nove mesi vissuti a nervi tesi.

Chi ha ragione nella lunga teoria del lamento per gli errori arbitrali e gli episodi? Ecco i dossier di Panorama.it che ricostruiscono il campionato delle due avversarie per lo scudetto. L'avvertenza è che si inseriscono gli episodi con errori 'importanti' (gol regolari annullati o irregolari concessi, espulsioni evidenti negate) che hanno condizionato l'esito delle sfide.

FAVORI ARBITRALI AL NAPOLI

6° giornata: SAMPDORIA-NAPOLI 0-1 - Decide un rigore concesso per un contatto tra Gastaldello ed Hamsik che sembra fuori area. Da valutare anche l'impatto tra tibia e polpaccio forse in parallelo con la linea. Rigore dubbio.

9° giornata: NAPOLI-CHIEVO 1-0 - Negli ultimi minuti c'è una netta trattenuta di Campagnaro su Pellissier all'interno dell'area di rigore del Napoli. Sarebbe rigore ma Celi non fischia.

14° giornata: CAGLIARI-NAPOLI 0-1 - C'è una macchia nella direzione di Giannoccaro perché al 28' del primo tempo è da rigore l'entrata da dietro di Gamberini su Conti in area. Regolare invece il gol della vittoria di Hamsik.

16° giornata: INTER-NAPOLI 2-1 - Era da annullare la rete del 2-1 segnata da Cavani con la posizione di Pandev in fuorigioco attivo. L'errore non determina il risultato perché alla fine l'Inter vince comunque, ma riapre la partita. Era da espellere Behrami per somma di ammonizioni. Graziato da Rizzoli.

23° giornata: NAPOLI-CATANIA 2-0 - Rischia molto Zuniga che tocca il pallone con il braccio all'interno dell'area di rigore al 37' del primo tempo con il Napoli in vantaggio per 1-0. C'è una spintarella di Bergessio, ma Calvarese avrebbe potuto fischiare rigore.

25° giornata: NAPOLI-SAMPDORIA 0-0 - Due episodi dubbi per Doveri. C'è un contatto sospetto tra De Silvestri e Cavani con l'uruguaiano che va a terra dopo essere stato ostacolato dal difensore. Più evidente il fallo di Zuniga su Poli: era rigore.

ERRORI ARBITRALI CONTRO IL NAPOLI

26° giornata: UDINESE-NAPOLI 0-0 - Arbitra Damato, scontenta tutti ma in particolare il Napoli. Era da rigore il contatto tra Allan e Cavani nel primo tempo: scomposto il difensore. Molto dubbio anche il tocco di Basta su Armero nella ripresa che viene interpretato come simulazione dal direttore di gara: dentro o fuori area? Reclama anche l'Udinese per una forbice di Britos su Muriel.

FAVORI ARBITRALI ALLA JUVENTUS

2° giornata: UDINESE-JUVENTUS 1-4 - Gara molto contestata da Pozzo. Pesa il rigore (netto) con espulsione di Brkic deciso da Valeri in apertura. La spinta su Giovinco pare essere di Danilo e comunque il rosso al portiere sembra eccessivo. Il penalty era netto. Poi la Juventus dilaga.

7° giornata: SIENA-JUVENTUS 1-2 - Manca un'ammonizione a Chiellini (sarebbe stato rosso per somma di cartellini gialli) per un calcione a Felipe. Cosmi si arrabbia e nel finale il difensore fornisce l'assist per il gol vittoria della Juventus.

9° giornata: CATANIA-JUVENTUS 0-1 - E' il disastro di Gervasoni e Maggiani. Rete regolare di Bergessio annullata dopo le proteste della panchina bianconera e con il contributo di Rizzoli giudice di porta. Gol vittoria di Vidal viziato da un fuorigioco di Bendtner non segnalato dallo stesso Maggiani. Negato anche un rigore a Chiellini per trattenuta di Legrottaglie.

11° giornata: JUVENTUS-INTER 1-3 - Netto fuorigioco di Asamoah in occasione della rete del vantaggio bianconero di Vidal. Preti non si accorge dell'offside di più di un metro. Al 34' del primo tempo graziato Lichtsteiner, già ammonito, dopo una brutta entrata su Palacio: la panchina provvede immediatamente a sostituire lo svizzero. Altre sbavature nella gestione dei cartellini da parte di Tagliavento mentre il rigore poi realizzato da Milito viene 'chiamato' da Orsato giudice di porta.

ERRORI ARBITRALI CONTRO LA JUVENTUS

14° giornata: MILAN-JUVENTUS 1-0 - Rizzoli decide la gara assegnando al Milan un calcio di rigore per un tocco di ascella di Isla su colpo di testa ravvicinato di Nocerino. Allegri ammette che il penalty non c'era. Marotta e Alessio molto polemici nel dopo partita.

18° giornata: CAGLIARI-JUVENTUS 1-3 - Gara piena di episodi e Damato non esce bene. Ci sono i due rigori decretati (uno per parte). Ne mancano, però, due clamorosi per la Juventus: Astori cintura Quagliarella e lo affossa nel primo tempo e Asamoah viene spinto alle spalle da Nainggolan nella ripresa mentre sta per ribattere in rete di testa da due passi. Il Cagliari contesta il rosso (per doppia ammonizione) ad Astori per un fallo veniale. Involontario il mani di Vidal sulla carambola che porta al 2-1 di Matri.

19° giornata: JUVENTUS-SAMPDORIA 1-2 - Giornataccia di Valeri. Al 35' del primo tempo è da rigore la caduta di Matri con Palombo alle sue spalle: siamo sull'1-0 per la Juventus che poco prima dell'intervallo reclama anche per una trattenuta di Gastaldello su Bonucci. Poi nella ripresa la Samp ribalta il risultato.

22° giornata: JUVENTUS-GENOA 1-1 - Prima del tocco di mani di Granqvist che, per interpretazione poi confermata anche da Collina, non è da rigore ma che scatena le proteste furibonde della Juventus, ci sono altri tre episodi che macchiano la direzione di gara di Guida. Era da rigore il tocco di braccio di Vucinic su calcio d'angolo di Olivera nel primo tempo sullo 0-0. E da penalty sono anche la plateale trattenuta di Antonelli su Vucinic al 35' secondo tempo (merita anche il rosso) e la cintura di Pisano su Pogba poco dopo.

Seguimi su Twitter e Facebook

© Riproduzione Riservata

Commenti