Calcio

Diritti tv del calcio, la serie A sorpassata da Germania e Spagna

Continua la discesa del nostro campionato nella classifica ricavi: ora alle spalle della Premier ci sono Bundesliga e Liga

diritti tv serie a 2018 2021 offerte cifre

Giovanni Capuano

-

Allarme Italia, stiamo perdendo posizioni anche nel mercato dei diritti tv. Se fino all'anno scorso la serie A risultava poco competitiva per valore di marketing e ricavi da stadio, ora il nostro campionato è stato sorpassato anche alla voce introiti dalle televisioni. Una discesa inarrestabile che rischia di rendere sempre più complicata la corsa al riscatto delle grandi che vengono dalla serie A.

L'ultimo colpo in ordine di tempo viene dal rinnovo dei contratti della Bundesliga che ha strappato dal 2017 al 2021 un aumento del 70% ai propri boradcaster. Si passa da poco meno di 900 milioni a stagione a 1,16 miliardi solo per il mercato interno, cui i vertici tedeschi stimano di poter aggiungere altri 250-300 milioni da quello dei diritti internazionali, puntando sul mercato cinese. In tutto 1,4 miliardi di euro che portano la Bundes al terzo posto nella classifica europea.

In testa rimane sempre - inarrivabile - la Premier League che dal 2016 al 2019 godrà di un contratto da 2,3 miliardi di euro all'anno solo dalle tv inglesi cui aggiungere un vero tesoro dai diritti esteri: non meno di un miliardo aggiuntivo. Anche la Liga, però, ci ha scavalcato. Nelle scorse settimane il board del torneo spagnolo, che ha appena intrapreso la strada della cessione collettiva, ha dichiarato ricavi per 1.237 milioni in questa stagione con proiezione di crescita a 1.537 nel 2016-2017.

La serie A si è sempre difesa a questa voce, ma ora la crescita a doppia cifra delle concorrenti spaventa. L'ultima trattativa si è chiusa con l'accordo valido per il triennio 2015-2018 a 1,2 miliardi di euro a stagione. Dietro di noi rimane solo la Ligue1 francese con 748 milioni.

© Riproduzione Riservata

Commenti