cuneyt cakir
Calcio

Chi è il turco Cuneyt Cakir, l'arbitro di Juventus - Barcellona

Il direttore di gara della finale di Champions viene da Istambul: ha già arbitrato i bianconeri lo scorso anno nella sconfitta per 2-1 con il Benfica

L'arbitro della finale di Champions League tra Juventus e Barcellona è nato a Istambul il 23 novembre 1976. Cuneyt Cakir, il Collina di Turchia, tra i più giovani arbitri ad esordire in una competizione internazionale a soli 25 anni nel 2001. In patria ha diretto oltre 200 partite della Super Lig e nel 2006, a 29 anni appena compiuti, ha ricevuto la nomina FIFA ottenendo fin da subito un'importante serie di designazioni. La finale di Berlino sarà il punto più alto della sua carriera, un'occasione che arriva nel suo 38° anno d'età. 

Nel 2010 ha fatto il suo esordio in Champions League dirigendo Rubin Kazan - Barcellona mentre un anno dopo è entrato a far parte della categoria Elite della Uefa diventando anche un personaggio molto noto in patria. Erano infatti quattordici anni che un arbitro turco non veniva inserito in questa particolare lista, dai tempi di Ahmet Cekar. In totale ha arbitrato 70 match dell’Uefa e quest’anno ha anche diretto quattro gare di Champions League e tre di Europa League, tra cui Roma-Fiorentina e Napoli-Wolfsburg. I precedenti con le italiane non fanno sorridere i tifosi bianconeri: Cakir ha diretto anche Bayern - Roma 2-0 in Champions League quest'anno, Benfica-Juventus 2-1 dell'anno scorso in Europa League e Athletic Bilbao-Napoli 3-1 nei preliminari Champions in questa stagione. 

Il momento d'oro di Cakir è iniziato con la designazione del 2011 per gli Europei di Polonia e Ucraina mentre nel 2012 è stato inserito nella lista dei 52 arbitri designati dalla FIFA per il mondiale in Brasile del 2014 dove ha diretto due partite della fase a gironi: Brasile-Messico ed Algeria-Russia. Il 9 luglio 2014 ha invece arbitrato la semifinale tra Olanda ed Argentina.

Agli Europei in Polonia ed Ucraina il fischietto turco aveva diretto due partite della fase a gironi, una della nazionale azzurra: Ucraina-Svezia e Italia-Irlanda, prima della semifinale tra Portogallo e Spagna. Nella finalissima di Kiev tra Spagna e Italia finita 4-0 per gli iberici ha invece avuto l'incarico di quarto ufficiale. A Berlino Cakir sarà assistito dai connazionali Bahattin Duran and Tarik Ongun. Il quarto ufficiale sarà lo svedese Jonas Eriksson.

© Riproduzione Riservata

Commenti