Calcio

Tutto sul Bayern Monaco, l'avversario della Juventus nei quarti

I bianconeri pescano la corazzata tedesca: 20 punti di vantaggio sulla seconda in Bundesliga e un progetto vincente che aspetta Guardiola. Andata il 2 aprile a Monaco, ritorno il 9

L'urna di Nyon non è stata fortunata per la Juventus (Getty)

L'urna di Nyon ha messo sul cammino europeo della Juventus i vice campioni d'Europa del Bayern Monaco, probabilmente la squadra più forte al mondo in questo momento. I tedeschi, che hanno eliminato l'Arsenal pur non senza soffrire, ospiteranno i bianconeri a Monaco nella gara di andata del 2 aprile. Ritorno allo Juventus Stadium di Torino il 9 aprile. Dopo la fortuna nel sorteggio contro il Celtic alla Juventus difficilmente poteva andare peggio.

I precedenti:

L'ultima volta che la Juventus ha affrontato il Bayern Monaco è stato nel 2009 con Ciro Ferrara in panchina. Una sconfitta Torino per 1-4 che sancì l'uscita dei bianconeri dalla Champions League. Nella stessa stagione l'andata a Monaco di Baviera terminò 0-0. In totale i precedenti tra i due club parlano di 2 vittorie del Bayern, 3 della Juventus e 1 pareggio. Tra i ricordi più dolci c'è la vittoria all’Olympiastadion nel 2004 firmata Alessandro Del Piero al 91' dopo uno spunto meraviglioso di Zlatan Ibrahimovic.

Il giocatore da temere:

Frank Ribery è il più talentuoso giocatore della formazione tedesca. Esterno offensivo capace di saltare l'uomo e creare superiorità numerica per servire le punte e favorire gli inserimenti dei centrocampisti. E' arrivato in Germania nel 2007 dall'Olympique Marsiglia e finora ha raccolto 143 presenze con 45 gol. Heynches potrebbe alternarlo con un altro esterno tra i più forti al mondo, Arjen Robben.

Il modulo:

Il Bayern Monaco si schiera solitamente con un 4-2-3-1 che potrebbe vedere protagonisti Neuer; Lahm, Van Buyten, Boateng, Alaba; Martinez, Schweinsteiger; Kroos, Muller, Ribery e Mandzukic. Il reparto offensivo dei bavaresi è da sogno con il francese Ribery, il classe 1989 Thomas Muller (scarpa d'oro all'ultimo Mondiale che può alternarsi con Robben) e Mario Mandzukic, arrivato la scorsa estate dal Wolfsburg per 13 milioni e già capace di segnare un gol a Buffon nell'ultimo Europeo con la maglia della Croazia. Da non dimenticare anche Arjen Robben: se i guai fisici non lo tormenteranno l'obiettivo è vendicare la finale dello scorso anno con il rigore sbagliato contro il Chelsea facendo da alternativa per uno degli esterni. In attacco chiede spazio anche un altro Mario, Gomez, quest'anno meno utilizzato ma capace comunque di mettere a segno 8 reti stagionali entrando spesso a partita in corso. Rispetto alle scorse stagioni i tedeschi sembrano aver registrato anche la fase difensiva: subiscono pochi gol e hanno una linea rocciosa e quadrata con protagonista Jerome Boateng, fratello di Kevin Prince del Milan.

Punti deboli:

Difficile parlare di punti deboli contro questo Bayern Monaco. Nonostante sia già stato annunciato l'arrivo di Guardiola sulla panchina tedesca per la prossima stagione l'attuale allenatore Heynches vuole andarsene con un trionfo. Il Bayern è arrivato in finale di Champions League per due volte negli ultimi tre anni trovando due sconfitte che fanno ancora male contro Inter e Chelsea. Per una formazione che in campionato ha 20 punti di vantaggio sulla seconda in classifica e in Champions League ha sempre imposto il suo gioco si fatica a trovare una breccia. Quel che fa sperare è la tradizione positiva di tanti protagonisti bianconeri contro le squadre tedesche. Da Buffon e Pirlo passando per Barzagli i campioni del mondo che hanno eliminato la Germania anche nell'ultimo Europeo fanno paura ai tedeschi.  Inoltre i rischi corsi dal Bayern nella gara di ritorno contro l'Arsenal hanno dimostrato che nessuno è imbattibile. La Juventus sa di potersela giocare.

In campionato:

Nelle ultime cinque partite di campionato ne ha vinte cinque. E' primo a 65 punti in classifica con 20 punti di vantaggio sul Borussia Dortmund a 46. 67 i gol fatti e solamente 10 quelli subiti con Mandzkuic vice capocannoniere a 15 gol e Muller a 12 reti.  

Palmares:

22 campionati tedeschi, 15 Coppe di Germania, 4 Supercoppe di Germania, 6 Coppe di Lega tedesca, 4 Coppe dei Campioni/Champions League, 1 Coppe delle Coppe, 1 Coppe UEFA/Europa League, 2 Coppe Intercontinentali

Il tabellone dei quarti di Champions League:

Malaga - Borussia Dortmund

Real Madrid - Galatasaray

Paris Saint Germain - Barcellona

Bayern Monaco - Juventus

© Riproduzione Riservata

Commenti