catania-tifosi
Calcio

Catania, sconto in appello: Lega Pro e -9

Teramo e Savona evitano i Dilettanti, ma l'Ascoli sale in serie B. Ecco tutti i verdetti del primo processo al calcio

La Corte d'Appello federale della Figc ha parzialmente accolto il ricorso del Catania relativo alla sentenza sul calcioscommesse, riducendo da -12 a -9 i punti di penalizzazione da scontare nella stagione calcistica che sta per iniziare in Lega Pro. Il presidente Pulvirenti ha invece rinunciato al ricorso e resta inibito per 5 anni, essendosi salvato dalla radiazione grazie alla collaborazione con la Procura della Figc: una scelta che aveva diviso molto già in occasione del primo grado. Nell'altro filone su cui si doveva decidere, quello relativo alla combine dell'ultima giornata di Lega Pro tra SAvona e Teramo, la Corte d'Appello ha modificato sensibilmente il primo verdetto. 

Il Teramo deve rinunciare alla Serie B e, nella prossima stagione, sara' costretto a giocare ancora in Lega Pro, partendo pero' da -6, mentre il Tribunale federale nazionale aveva condannato alla retrocessione in D gli abruzzesi, per avere 'combinato' la sfida contro il Savona. Anche il Savona, che era coinvolto nella stessa 'combine' con il Teramo, si e' visto accogliere parzialmente il ricorso dalla Corte federale d'appello, rimettendo cosi' piede in Lega Pro ma, come gli abruzzesi, sara' costretto a partire da -6 in classifica. Sia al Teramo che al Savona e' stata inoltre inflitta un'ammenda di 30 mila euro. La Corte presieduta da Gerardo Mastrandrea ha parzialmente accolto il ricorso del presidente del Teramo, Luciano Campitelli, riducendo la sua inibizione da quattro a tre anni; e' stata, altresi', mantenuta l'ammenda di 100 mila euro. Prosciolto, invece, il patron del Savona, Aldo Dellepiane, che era stato inibito in 1/o Grado per quattro anni e multato anche lui di 100 mila euro.

La Corte d'Appello della Figc ha parzialmente accolto i ricorsi del procuratore Palazzi, peraltro non presente al processo d'appello, e ha disposto la retrocessione "all'ultimo posto in classifica nella stagione sportiva 2014/15" di Torres e Vigor Lamezia. In pratica, i due club sono ora esclusi dalla Lega Pro. I sardi sono anche stati multati di 15mila euro, i calabresi di 30mila.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti