Veleno Benfica: "L'Uefa vuole la Juve in finale"

Durissima polemica in Portogallo contro la decisione di riaprire il caso della gomitata di Enzo Perez a Chiellini. Il portavoce del club: "Si vede che all'Uefa hanno paura..."

La prima pagina di Abola con l'attacco a Uefa e Juventus

Giovanni Capuano

-

Una polemica durissima che rimbalza dal Portogallo e accende la vigilia della semifinale di ritorno tra Benfica e Juventus. Al centro del contendere la decisione dell'Uefa di riaprire il caso della gomitata di Enzo Perez a Chiellini nella gara del Da Luz: azione di gioco non vista dai direttori di gara e che avrebbe dovuto portare a un calcio di rigore per la Juventus e all'espulsione del giocatore del Benfica. Nelle ore seguenti la partita, la Commissione Disciplinare aveva escluso la possibilità di utilizzo della prova tv 'graziando' il protagonista dell'episodio. Ora - è la denuncia dei quotidiani portoghesi - invece tutto si è riaperto su segnalazione della Juventus.

Gomitata-Perez.jpg

La Commissione Disciplinare ha anticipato la propria riunione per decidere se squalificare o meno Enzo Perez in vista del ritorno alla Juventus Stadium. L'accusa dei giornali portoghesi è durissima: al Benfica vengono concesse solo 24 ore di tempo per preparare la difesa perché l'Uefa vuole favorire la Juventus sulla strada della finale che si gioca proprio allo Stadium. Sospetti che vengono insinuati anche da fonti interne al club di Lisbona. A parlare è, infatti, Julio Gabriel, direttore della comunicazione del Benfica: "Forse l'Uefa è preoccupata perché potrebbe segnare un rigore contro la Juventus?"

Ecco le prime pagine dei giornali portoghesi di oggi:

Abola-290414.jpg
Record-290414.jpg
 
© Riproduzione Riservata

Commenti