FBL-EUR-C1-LEVERKUSEN-LAZIO
Calcio

Bayer Leverkusen-Lazio 3-0: addio Champions League

Biancocelesti puniti dalle incertezze difensive e da qualche episodio dubbio, ma non tirano mai in porta. Ora l'Europa League...

Niente da fare. La maledizione del playoff di Champions League colpisce ancora il calcio italiano che per la quinta volta nelle ultime sette edizioni non risce ad accedere ai gironi. La Lazio viene battuta 3-0 a Leverkusen in una partita equilibrata fino all'errore di De Vrij che spiana la strada al vantaggio di Calhanoglou. Nella ripresa arriva il raddoppio di Mehmedi (altro errore difensivo, questa volta di Mauricio) e l'espulsione dello stesso Mauricio che rende impossibile una reazione. Il 3-0 finale di Bellarabi è il colpo della capitolazione. La Lazio perde per colpe proprie e per omissioni altrui: negli episodi non è mai stata fortunata e può recriminare su un possibile rigore nel primo tempo e sul cartellino rosso, parso esagerato, decretato da Velasco Carballo. Però i biancocelesti non hanno nemmeno mai tirato in porta. Notte stregata, dunque. E verdetto impietoso e, considerati i 180 minuti, certamente non sbagliato.

Ecco le formazioni in campo:

BAYER LEVERKUSEN (4-2-3-1): Leno; Hilbert, Tah, Papadopoulos, Wendell; Kramer, Bender; Bellarabi, Calhanoglu (79' Kruse), Mehmedi (75' Brandt); Kiessling. Allenatore: Schmidt

LAZIO (3-4-3): Berisha; Mauricio, De Vrij, Radu (56' Kishna); Basta, Parolo, Onazi (83' Morrison), Lulic; Candreva, Keita, Anderson (69' Gentiletti). Allenatore: Pioli

 

Primo tempo

Grande atmosfera nel bellissimo stadio del Bayer Leverkusen dove sono arrivati oltre mille tifosi della Lazio. Serata ideale per giocare a calcio e formazioni della vigilia confermate dai due tecnici.

3' - Pasticcio della difesa della Lazio e Keita si infila tra i due centrali ma Leno si trova la palla tra le mani dopo un rimpallo e salva tutto. Occasione che dimostra la fragilità difensiva del Bayer

7' - Diagonale pericoloso di Bellarabi, tiro cross su cui Kiessling non arriva e che sfila non lontano dal palo della porta di Berisha

9' - Sinistro di Calhanoglu ribattuto dalla difesa che poi rischia, ma i giocatori del Bayer finiscono in offside correttamente segnalato

12' - Ancora fuorigioco ben fatto dalla Lazio: questa volta ci cade Kiessling

17' - Destro dalla distanza di Calhanoglu con palla che si perde alta sul fondo, ma troppo spazio lasciato alla conclusione dell'attaccante del Bayer

18' - Conclusione di destro di Basta dai 25 metri e Leno lascia sfilare la palla sopra la traversa con un sospiro di sollievo

19' - Occasione per il Bayer Leverkusen: tiro forte dal limite e respinta di Berisha con i pugni chiusi. Ancora Calhanoglu che è il più attivo dei suoi

25' - Bayer vicissimo al vantaggio: colpo di testa di Liessling e incrocio dei pali. L'azione nasce da un corner erroneamente concesso ai tedeschi

27' - Ancora un'occasione per il Bayer: colpo di testa in tuffo di Papadopoulos e palla che sce sfiorando il palo alla destra di Berisha

28' - Si distende in contropiede la Lazio, ma il destro di Keita è debole ed è parato senza problemi da Leno

30' - Occasione Lazio: Keita va alla conclusione che Leno mette in angolo. La Lazio protesta per una trattenuta molto vistosa su Keita che, però, resta in piedi e va alla conclusione. Velasco Carballo lascia correre. Difficile concedere un penalty in questa situazione, anche se il difensore rischia moltissimo. Nella dinamica dell'azione c'è anche un tocco di mano di Tah che, cadendo, sembra schiaffeggiare la sfera. Candreva lo segnala al direttore di gara che non prende provvedimenti. Le immagini dimostrano che il tocco c'è e devia la traiettoria del pallone. Era rigore

40' - Gol del Bayer Leverkusen, lo segna ... dopo una serie di batti e ribatti in area di rigore e palla calciata da Calhanoglou che si trova libero a una decina di metri dalla porta e castiga Berisha. Grave errore della retroguardia e un pizzico di sfortuna nell'azione che spezza l'equilibrio

43' - Punizione di Calhanoglou alta sopra la traversa

Secondo tempo

Squadre in campo senza sostituzioni. Schmidt e Pioli hanno scelto di continuare con i ventidue che hanno iniziato la partita

48' - Raddoppio di Mehmedi che prende il tempo al difensore, entra in area e fulmina Berisha sotto la traversa. Errore di piazzamento di Mauricio che tenta l'anticipo e spalanca la porta alle sue spalle per la rete di Mehmedi

51' - Calhanoglou arriva alla conclusione da buona posizione, ma il tiro non è preciso. Lazio che sembra aver sofferto il raddoppio tedesco

53' - Respinta corta di Basta e Bender tenta il destro dalla lunga distanza: Berisha mette in angolo

56' - Felipe Anderson pescato in offside su una bella occasione per la Lazio: segnalazione corretta

Con l'ingresso di Kishna al posto di Radu la Lazio passa dal 3-4-3 al 4-2-3-1: Keita punta unica con alle spalle Kisha-Felipe Anderson-Candreva. Pioli tenta di alzare il baricentro per trovare la rete che ribalterebbe il senso della doppia sfida

60' - Altro fuorigioco millimetrico: questa volta è Keita a farsi trovare alle spalle dei difensori

61' - Esagera Velasco Carballo che ammonisce Mauricio dopo un contrasto aereo con Kiessling: il difensore usa il braccio per prendere posizione e non il gomito

64' - Lazio che ci prova, ma la conclusione dal limite è ribattuta dalla difesa tedesca anche con un po' di fortuna

65' - Bayer pericolosissimo: destro di Bellarabi sporcato dalle gambe di un difensore che sfiora il palo a Berisha battuto

68' - Espulso Mauricio. Il difensore entra in contatto con Kiessling che stava cercando di avvicinarsi alla porta, tocca il pallone con il ginocchio e poi colpisce l'attaccante che precipita a terra. Ammonizione molto fiscale, anche se l'azione era potenzialmente pericolosa. Di sicuro il primo giallo non c'era e la Lazio ha qualche ragione a lagnarsi

Lazio che non riesce a creare i presupposti per avere l'occasione del gol che la qualificherebbe. Troppi errori di misura

84' - Azione laterale del Bayer con servizio per Brandt che all'altezza del dischetto dell'area di rigore viene anticipato da Morrison prima della conclusione a colpo sicuro

88' - Keita si libera al limite dell'area di rigore, ma al momento di tirare aspetta troppo e viene chiuso dalla difesa. Peccato perché era in posizione favorevole

89' - Fine della speranza con il terzo gol di Bellarabi in contropiede servito da Brandt. Regolare la posizione di partenza di Brandt nella metà campo laziale lasciata vuota dai biancocelesti proitettati in avanti

Lazio castigata non appena ha cercato di alzare il baricentro per trovare il gol della qualificazione. Finisce con gli olè del pubblico tedesco e con un paio di contropiede pericolosi che non vengono, però, concretizzati

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti