Balo's back. Anzi, Balò est de retour. Mario Balotelli torna Super dopo l'esordio nella Ligue 1 francese con la nuova maglia del Nizza e una doppietta nel derby contro il Marsiglia. 

Nella città più italiana di Francia la febbre per il nuovo numero 9 è salita in modo esponenziale e tutta la comunità ha accolto il calciatore azzurro con una contagiosa carica di fiducia che è stata subito premiata. 

 

In una città che porta ancora le cicatrici per l'attentato sulla promenade des Anglais l'entusiasmo intorno a Balotelli ha coinvolto tutti. Dalla centralissima avenue Jean Medecin fino alla città vecchia sono tante le vetrine che mettono in vendita la nuova casacca dell'ex milanista al quale è stato anche dedicato un menù da 10 euro disponibile allo stadio con sandwich, acqua o soda e dolce. 

Nei giorni di vigilia dell'esordio in Ligue 1 la stampa francese si era interrogata a lungo sull'effettiva classe dell'attaccante, il campo ha però spazzato via i dubbi: nel sentitissimo derby contro l'Olympique Marsiglia terminato 3-2 per i rossoneri Balotelli ha segnato una doppietta che ha fatto esplodere l'Allianz Riviera di Nizza e mostrato un sorriso che non si vedeva da tempo. 

Il day after si può riassumere nei titoli dei giornali francesi, dal "Superbe Mario" de L'Equipe fino al "C'est Super!" di Nice Matin, il quotidiano più venduto a Nizza. Nel post partita l'italiano ha anche parlato del pallone d'oro in un'intervista a Canal Plus: "Posso vincerlo entro due o tre anni".

Lo stile di Balotelli piace e i tifosi hanno già accettato la spiegazione delle sue mancate esultanze"Je ne célèbre pas mes buts parce que c'est mon travail, tu as déjà vu un facteur sauter de joie quand il vient de livrer un colis", una frase che suona più o mneno così: "Io non festeggio i miei gol perché è il mio lavoro, hai mai visto esultare un fattorino che consegna un pacco?". 

© Riproduzione Riservata

Commenti