DOSSIER - Ma senza errori degli arbitri la Juve sarebbe in fuga

Nella bufera dopo Catania, i bianconeri avrebbero 5 punti di vantaggio sul Napoli e 6 sull'Inter. Le più penalizzate? Roma, Samp, Parma, Palermo e Chievo

Proteste Catania

Un momento di protesta durante Catania-Juventus al Massimino – Credits: Ansa

Giovanni Capuano

-

Come sarebbe la classifica senza gli errori degli arbitri? Diversa, non c'è dubbio. Ma a sorpresa ad avvantaggiarsene maggiormente sarebbe proprio la Juventus finita nel mirino delle polemiche dopo l'ultima giornata. Secondo il dossier di Panorama.it la squadra di Conte avrebbe - in un'ipotetica classifica - addirittura 5 punti di vantaggio sul Napoli secondo in classifica e non 3 come nella classifica reale.

Il dato sconfortante, però, è il numero sempre maggiore delle partite condizionate da errori dei giudici di gara. Solo nell'ultimo turno sono state quattro: Milan-Genoa con il gol di El Shaarawy viziato dal fuorigioco di Abate, Catania-Juventus di cui si è visto e scritto di tutto, Fiorentina-Lazio in cui i biancocelesti si lamentano a ragione per almeno due episodi chiave, Napoli-Chievo con rigore su Pellissier non visto nel finale e Roma-Udinese con un 'rigorino' e un mezzo offside.

Non è tutto, perché anche a Bologna ci sono state discussioni, un fallo di Palacio sul gol di Ranocchia e il sospetto di fuorigioco per Cambiasso e Ventura considera la sconfitta contro il Parma provocata dall'espulsione di Sansone decisa da Giacomelli per simulazione (secondo giallo).

CHI GUADAGNA CON GLI ERRORI - In testa alla lista di chi ha goduto di favori arbitrali decisivi (rigori, gol annullati o irregolari concessi) ci sono proprio le inseguitrici della Juventus: Napoli e Inter hanno un saldo positivo di 4 punti. Seguono Lazio e Cagliari (+3), Fiorentina (+2), Udinese e Catania (+1). Anche la Juventus dopo la trasferta di Catania ha un saldo positivo, ma fin qui il campionato dei bianconeri è sufficientemente regolare. Prima dei disastri di Maggiani, Rizzoli e Gervasoni solo a Siena (mancata espulsione di Vucinic c'erano state proteste.

LE PIU' PENALIZZATE - Nessuno è stato sin qui 'massacrato' dagli arbitri ma qualche indicazione interessante si può ricavare rileggendo le moviole delle prime 9 giornate. Ad esempio che tra le penalizzate c'è una sola big ed è la Roma (3 punti in meno), mentre le altre sono tutte medio-piccole: Sampdoria, Parma, Palermo e Chievo (-2), Torino e Siena (-1). Il risultato è che, senza errori, la classifica sarebbe molto più corta di quella reale con 8 squadre in 6 punti alle spalle della Juventus.

MILAN SENZA DIFFERENZE - Bilancio in pari per Milan, Genoa, Atalanta, Bologna e Pescara. Qualche errore a favore e qualche contro senza troppi scostamenti in graduatoria. E' l'esempio dei rossoneri: il fuorigioco di Abate sul gol di El Shaarawy contro il Genoa e la vittoria in trasferta a Bologna (rigore spacca-partita di Pazzini) pareggiano il rigore non concesso a Boateng contro l'Atalanta e il derby di Valeri.

LA CLASSIFICA SENZA ERRORI - Ecco comunque la classifica senza errori dopo la 9° giornata di questo campionato:

JUVENTUS 23 (-2)

NAPOLI 18 (-4)

INTER 17 (-4)

ROMA 17 (+3)

LAZIO 15 (-3)

PARMA 14 (+2)

FIORENTINA 13 (-2)

SAMPDORIA 12 (+2)

UDINESE  11 (-1)

TORINO 10 (+1)

MILAN 10 (=)

CATANIA 10 (-1)

GENOA   9 (=)

ATALANTA   9 (=)

PALERMO   9 (+2)

PESCARA   8 (=)

CAGLIARI   8 (-3)

BOLOGNA   7 (=)

CHIEVO   5 (+2)

SIENA   4 (+1)

Seguimi anche su Twitter e Facebook

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La domenica nera degli arbitri. Pulvirenti: ''Non è solo sudditanza''

Errori a Catania, Bologna, Firenze, Milano e Torino. Le scuse di Braschi e l'appello di Nicchi: "Abbiamo sbagliato ma non esasperate gli animi"

Commenti