Calcio

Tutti gli stipendi degli allenatori della Serie A: ecco quanto guadagnano

Dal record di Conte ai contratti low cost di Udinese, Verona e Brescia. Il caso di Inter e Juventus che spendono in tecnici 30 milioni (netti)

allenatori serie a stipendi quanto guadagnano conte

Giovanni Capuano

-

Complice anche lo sconto fiscale, che si attiva però solo dal 1° gennaio 2020 e solo per chi resterà in Italia almeno per due anni, è Antonio Conte l'allenatore più pagato della Serie A 2019-2020. Gli 11 milioni di euro netti che l'Inter gli ha riconosciuto per strapparlo al suo esilio londinese e portarlo sulla panchina nerazzurra a caccia della Juventus, rappresentano la cifra più alta mai spesa dal club per un tecnico e quella top nel nostro campionato.

Mourinho nella stagione del Triplete aveva uno stipendio da 9 milioni netti (più bonus) e tutte le altre società si sono fermate almeno un gradino sotto, compresa la Juventus tricolore da otto anni consecutivi che versa a Maurizio Sarri un ingaggio base da 5,5 milioni di euro. La metà rispetto a quello di Conte.

Sul terzo gradino del podio, ai nastri di partenza della stagione, c'è Carlo Ancelotti con i suoi 5 milioni (scadenza 2021) che il Napoli gli ha garantito l'anno scorso per prendere in mano la squadra dopo l'addio di Sarri. Un contratto da record per il passato partenopeo e che De Laurentiis ha spesso detto voler prolungare ancora rendendo l'emiliano una sorta di punto di riferimento dentro la società.

allenatori serie a stipendi quanto guadagnano allegri

– Credits: ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Allegri e Spalletti, stipendi da podio

Il paradosso è che su quel podio o poco distanti, alle spalle di Conte, dovrebbero in realtà collocarsi due tecnici che in questa stagione osserveranno gli altri da casa per scelta delle rispettive società. Il primo è Massimiliano Allegri, l'uomo dei cinque titoli di fila e delle due finali di Champions League che la Juventus ha sollevato dall'incarico alla fine dell'anno scorso ma che conserva ancora dodici mesi di contratto a 7,5 milioni di euro netti.

L'altro risponde al nome di Luciano Spalletti, esonerato dall'Inter dopo la qualificazione in extremis alla Champions per fare posto proprio a Conte: nell'estate 2018 il toscano aveva prolungato il suo accordo fino al 2022 sulla base di 4,5 milioni netti. Soldi che pesano sul bilancio nerazzurro esattamente come quelli di Allegri sui conti bianconeri.

Juventus e Inter di fatto spenderanno alla voce 'allenatori' in questa stagione la bellezza di 28,5 milioni netti con un impatto al lordo intorno ai 50 milioni che in parte potrà essere ammorbidito solo dallo scattare dello sconto fiscale per chi arriva dall'estero, in caso di mantenimento del posto per almeno due anni.

Quanto guadagnano gli allenatori di Serie A

Raccontato il paradosso delle panchine 'doppie', ecco gli ingaggi e la scadenza dei contratti degli allenatori della Serie A, squadra per squadra. La forbice tra il più ricco (Conte) e il meno pagato (Tudor che, però, ha una parte in bonus legati all'andamento dell'Udinese) è di uno a 22. In generale sedere su una panchina del massimo campionato italiano è un buon affare per tutti: solo 7 tecnici su 22 (considerando Allegri e Spalletti a riposo forzato) guadagnano meno di un milione netto.

La retribuzione media è di 2,6 milioni di euro per un costo complessivo per i club italiani di 58. La certezza, purtroppo, è che è un tesoretto destinato a crescere col passare delle giornate perché la moda italica e non solo è quella di scaricare sul responsabile della panchina le colpe di tutti in caso di risultati non soddisfacenti. Caricandosi di altri stipendi. Ecco la classifica degli ingaggi degli allenatori in Serie A:

Conte (Inter) 11 milioni di euro (2022)

Sarri (Juventus) 5,5 milioni di euro (2022)

Ancelotti (Napoli) 5 milioni di euro (2021)

Fonseca (Roma) 3 milioni di euro (2021)

Mihajlovic (Bologna) 3 milioni di euro (2022)

Gasperini (Atalanta) 2,5 milioni di euro (2022)

Inzaghi (Lazio) 2 milioni di euro (2021)

Giampaolo (Milan) 2 milioni di euro (2021)

Di Francesco (Sampdoria) 1,8 milioni di euro (2022)

Mazzarri (Torino) 1,8 milioni di euro (2020)

Montella (Fiorentina) 1,5 milioni di euro (2022)

Maran (Cagliari) 1 milione di euro (2022)

De Zerbi (Sassuolo) 1 milioni di euro (2020)

Liverani (Lecce) 0,9 milioni di euro (2022)

Semplici (Spal) 0,8 milioni di euro (2021)

D'Aversa (Parma) 0,75 milioni di euro (2022)

Andreazzoli (Genoa) 0,7 milioni di euro (2022)

Corini (Brescia) 0,6 milioni di euro (2020)

Juric (Verona) 0,6 milioni di euro (2020)

Tudor (Udinese) 0,5 milioni di euro (2020)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Tutti gli stipendi dei calciatori di serie A

Giocatore per giocatore, squadra per squadra, ecco quanto guadagnano di ingaggio i calciatori del campionato 2019-2020

Commenti