Alla Lazio arriva "l'opportunista" Saha: tra donne, sbagli e infortuni

L'attaccante francese ha fatto scalpore in Inghilterra per la sua biografia dove racconta scappatelle e dà lezioni di etica ai colleghi

La copertina della biografia di Louis Saha "Thinking Inside the Box"

Matteo Politanò

-

Il nuovo acquisto della Lazio è Louis Laurent Saha, parigino classe 1978, punta che in carriera ha segnato oltre 120 gol tra Ligue 1 e Premier. Dopo aver scritto pagine importanti della storia di Fulham e Manchester United (86 presenze e 28 gol con i Red Devils) negli ultimi anni ha cambiato diverse squadre perdendosi a causa dei tanti infortuni che hanno costellato il suo ultimo lustro. Lo scorso agosto aveva firmato un contratto annuale con il Sunderland, accordo che è stato rescisso lo scorso 31 gennaio. Ginocchia troppo fragili dicono alcuni, problemi fisici che hanno sempre impedito alla punta originaria del Guadalupe di fare il definitivo salto di categoria.

La Lazio si è però portata in casa anche un giocatore d'esperienza che in Inghilterra è riuscito a fare notizia anche fuori dal campo grazie ad una biografia, Thinking Inside the Box, che ha fatto parecchio discutere. "Sesso, auto e gioielli sono il pane quotidiano per i giocatori della Premier. Non dobbiamo nascondere che buona parte del tempo lo occupino le ragazze. Per alcuni diventano un'ossessione quasi impossibile da cacciare via. Così può capitare che vai con una donna e il giorno dopo ritrovi la sua foto su un giornale e sotto un'intervista che racconta come è andata la notte passata con te. Ecco perché in tanti si stanno rivolgendo alle escort: paghi tanto ma ti assicuri la privacy necessaria per restare tranquillo". Un incipit che spiega il Saha-pensiero con tanto di contributi importanti: da Zinedine Zidane passando per Alex Ferguson e Patrice Evra, nel libro ci sono gli interventi di tanti compagni nei club o nella nazionale francese.

Nel suo scritto Saha spiega le tentazioni e gli errori suoi dei suoi colleghi, le difficoltà in cui uno sportivo incorre. Al punto di proporre la stipula di un contratto di "sacrificio professionale" per i calciatori:

Il sottoscritto Sig. X prometto davanti a Dio di agire nel miglior modo possibile per raggiungere il mio obiettivo di diventare un calciatore professionista. Mi batterò contro le tentazioni giornaliere con tutti i mezzi possibili, prometto di pensare due o anche tre volte prima di prendere una decisione importante, di ascoltare i consigli di consulenti esperti e di rispettare i miei allenatori.

Una provocazione che nella biografia è accompagnata dai racconti nel dettaglio di errori fatti in prima persona, dalle avventure con qualche donna di troppo fino agli incidenti in moto, bugie a compagni e società, feste dove si è esagerato, errori di gioventù e rimpianti. Come quando prima di una partita fondamentale contro il Manchester United ebbe un incidente in moto dopo una scappatella e raccontando poi di essersi bruciato con una padella e rischiando di mettersi nei guai: "Se la società lo avesse saputo avrei rischiato una multa, una squalifica, problemi con l'assicurazione e forse anche il divorzio".

Ma gli errori di Saha sono serviti per prendere coscienza di cosa è giusto e sbagliato raggiungendo una maturità che nella biografia raggiunge alti picchi di filosofia: "Una frazione di secondo può significare la fine del sogno: questo non bisogna mai dimenticarlo. Le scelte che facciamo possono cambiare il nostro futuro in maniera irrimediabile ogni istante. Maturità che i tifosi della Lazio sperano non abbia intaccato il suo senso del gol, una capacità che gli ha fatto meritare da Alex Ferguson il soprannome "l'opportunista".

© Riproduzione Riservata

Commenti