Matteo Politanò

-

Per alcuni sarebbe potuto diventare uno degli attaccanti più prolifici nella storia della serie A, altri avevano invece pronosticato la sua prematura fine della carriera a causa dei troppi vizi.

Adriano Leite Ribeiro, ex attaccante di Inter, Parma e Fiorentina, ha compiuto nei giorni scorsi il suo 35mo compleanno festeggiando con un mega party nel quartiere di Tijuca, a Rio de Janeiro: 400 invitati e una spesa finale da 92 mila euro, niente di preoccupante per chi in poco più di dieci anni è riuscito a dilapidare un conto milionario. 

Adriano era arrivato in Italia nel 2001, acquistato dall'Inter che lo aveva scovato nel Flamengo. Dopo il boom nel Parma l'Imperatore era tornato in nerazzurro nel 2004 segnando oltre 40 gol a Milano. Dal 2008 era però iniziata una lenta involuzione segnata soprattutto dagli eccessi fuori dal campo: dopo il ritorno in Brasile, nel 2013 era stato anche coinvolto in un’indagine della polizia brasiliana a causa di una foto che lo ritraeva assieme a uno dei più importanti narcotrafficanti di Rio De Janeiro. 

L’ultima possibilità di salvare una carriera in declino era arrivata nel 2016 con l’ingaggio da parte degli statunitensi del Miami United. Dopo pochi giorni Adriano l'avventura a stelle e strisce è però già finita e l'attaccante è tornato in Brasile per motivi mai del tutto chiariti. Adesso che futuro  lo aspetta? L'ex numero 10 dell'Inter aspetta altre offerte da valutare ma l'ipotesi di un ritiro sembra quella più gettonata. 

© Riproduzione Riservata

Commenti