I 5 top e i 5 flop della 23a giornata di serie A

Vidal tra i peggiori insieme a Ogbonna, l'unica nota lieta del Milan è l'esordio di Taarabt - Tutti i rigori della serie A

La festa dei giocatori veronesi dopo il 2-2 contro la Juve – Credits: Getty Images

Matteo Politanò

-

I TOP 5 DELLA 23^ GIORNATA

Gonzalo Higuain (Napoli) - Gli azzurri ripartono grazie al Pepita che segna una doppietta fondamentale contro il Milan. Per lui è raggiunta quota 12 reti in campionato in 22 partite, 17 in 30 stagionali. Un bottino eccezionale per una punta al primo anno in serie A. Per valorizzare il suo fiuto sono però fondamentali le giocate degli esterni, Callejon e Mertens sono sempre più indispensabili per il tecnico spagnolo, il Napoli non vuole mollare. 

Adel Taarabt (Milan) - Il marocchino è l'unica nota lieta di un Milan che esce nuovamente sconfitto in campionato. Contro il Napoli i rossoneri passano in vantaggio con una vera e propria prodezza dell'ex fantasista del Fulham che dopo una progressione gela Reina con un destro a giro imprendibile. Prima partita in Italia e primo gol, la sua avventura a Milano inizia nel migliore dei modi nonostante la sconfitta della squadra di Seedorf. 

Cristaldo (Bologna) - Vittoria fondamentale per i felsinei che espugnano lo stadio granata nella prima partita dopo Diamanti. Il protagonista è l'argentino ex Velez che trova una doppietta decisiva e porta il suo bottino in serie A a quota 3 realizzazioni. La formazione di Ballardini fa uno scatto fondamentale in zona salvezza e per l'argentino inizia un nuovo campionato. 

Mattia Perin (Genoa) - La saracinesca del grifone è abbassata e i rossoblu conquistano tre punti fondamentali dopo la brutta sconfitta nel derby. Il giovane portiere classe 1992 è una certezza per la difesa: puntuale nelle uscite e sempre presente nelle respinte, infonde al reparto la sicurezza necessaria per espugnare il Picchi e rilanciarsi a quota 30 in serie A superando anche il Milan. 

Juanito Gomez (Verona) - L'eroe del Bentegodi entra all'86' e regala alla squadra di Mandorlini un gol che fa esplodere lo stadio. Gli scaligeri guadagnano un punto meritato contro la prima della classe confermando la qualità di una stagione che sta diventando indimenticabile. 

I FLOP 5 DELLA 23^ GIORNATA

Arturo Vidal (Juventus) - Fa effetto e sorprende vederlo nell'elenco dei flop. A Verona il cileno ha però offerto una delle peggiori prestazioni dal suo arrivo in Italia al punto che Conte nella ripresa lo ha ripreso con decisione e a pugno chiuso. 

Paolo Cannavaro (Sassuolo) - L'addio al Napoli è stato un duro colpo da accettare e le prime prestazioni in maglia neroverde lo fanno intendere. Contro l'Inter è spaesato e fin dall'inizio i suoi interventi sono imprecisi favorendo gli avanti nerazzurri. Si vede che manca il feeling con i compagni ma c'è poco tempo per affinarlo se si vuole centrare l'obiettivo salvezza. 

Ogenyi Onazi (Lazio) - Gioca 10 minuti di derby ma rischia di lasciare il segno in negativo con due errori che fanno rabbrividire. Prima si divora il gol del vantaggio in un contropiede 2 contro 1 che fa disperare i laziali e poi favorisce il contropiede di Bastos che rischia di punire i biancocelesti. Partita da dimenticare. 

Angelo Ogbonna (Juventus) - Nuovo errore decisivo che fa rabbrividire pensando ai 13 milioni di euro investiti sul suo cartellino. Sul gol del 2-2 di Gomez è in ritardo e si lascia colpevolmente sorprendere per una rete che stoppa nuovamente la marcia bianconera dopo il pareggio dell'Olimpico. 

Marcelo Estigarribia (Atalanta) - Dopo le esperienza alla Juventus, alla Samp e al Chievo Verona anche quella di Bergamo non inizia nel migliore dei modi. E' stato acquistato per la sua spinta sulla fascia ma anche contro la Fiorentina fatica a proporsi restando ingabbiato sulla trequarti. In tanti continuano a chiedersi: è davvero un giocatore all'altezza della serie A?

© Riproduzione Riservata

Commenti