15° giornata - Milan, niente rigore, disastro De Marco

Tante sviste: penalizzate Atalanta e Genoa. Dubbi a Napoli e Livorno. Nella classifica senza errori arbitrali Roma +5 sulla Juve e Fiorentina da Champions - I rigori della A

Jorginho realizza il rigore della vittoria del Verona contro l'Atalanta: non c'era – Credits: Ansa

Giovanni Capuano

-

Un week end infarcito di errori con due squadre (Atalanta e Genoa) penalizzate e casi dubbi che hanno diviso i moviolisti. Non è andata benissimo la 15° giornata degli arbitri italiani. L'errore più grave porta la firma congiunta di De Marco e Di Bello che assegnano il rigore della vittoria in Verona-Atalanta: Cacia ha subito fallo (giusto il rosso) ma fuori dall'area di rigore. Moviole concordi anche nel sottolineare l'errore di Gervasoni in Cagliari-Genoa: chissà come sarebbe finita senza il rosso assurdo a Manfredini.

Nel sabato degli anticipi si salva Guida che non concede rigore al Milan per la trattenuta su Niang: nel dubbio i moviolisti lo assolvono e lo stesso accade a Gervasoni per il contatto (rigore?) su Maggio in Napoli-Udinese dove all'ultimo secondo c'era anche l'espulsione dello stesso Maggio per trattenuta su Maicosuel. Ha sbagliato anche l'arbitro di Bologna-Juventus nel non espellere Peluso. Si era ancora sull'1-0 e Conte ha tolto immediatamente il giocatore come già accaduto un anno fa con Lichtsteiner in Juventus-Inter.

Ecco comunque come Panorama.it ricostruisce la classifica oggi senza gli errori arbitrali. Vale la tradizionale avvertenza che il parametro preso in considerazione sono le decisioni che avrebbero potuto cambiare concretamente il risultato (rigori non assegnati o che non c'erano, reti annullate o concesse per errore) e che la graduatoria fa riferimento alle moviole dei quotidiani sportivi italiani esprimendo non un valore oggettivo ma una tendenza.

© Riproduzione Riservata

Commenti