Sport

Borriello il vagabondo: dopo 10 maglie è pronto per l'Inter

La punta non rientra nei progetti della Roma e dopo aver vestito le maglie di Milan e Juventus il suo futuro si tinge di nerazzurro

Marco Borriello (LaPresse)

Ha cambiato più maglie di Ibrahimovic e come lo svedese potrebbe diventare uno di quei pochi giocatori capaci di vestire in carriera le casacche di Inter, Milan e Juventus. E' Marco Borriello, vagabondo del calcio che in questa estate di mercato priva di operazioni eclatanti potrebbe essere protagonista di un nuovo "tradimento". Dopo il passaggio dal Milan alla Roma e dalla Roma alla Juventus la sua prossima società potrebbe essere l'Inter.

Stramaccioni vede in lui una possibile soluzione per il ruolo di vice Milito e il giocatore farebbe carte false per tornare a Milano, città in cui è cresciuto calcisticamente con i rossoneri prima di girare in lungo e in largo. Non importano i colori della maglia, il bel mercenario ex fidanzato di Belen Rodriguez è uno Zlatan italiano e il feeling con le tifoserie delle società in cui ha militato ne è la conferma.

Sulle sue tracce c'è anche il Milan ma il veto per un ritorno in rossonero sembra essere arrivato proprio dalla curva sud che non gli ha perdonato di aver indossato la maglia della Roma prima e della Juventus poi. Anche i supporter nerazzurri non impazziscono all'idea di avere un ex juventino in squadra, un giocatore con la valigia sempre pronta che è cresciuto nel Milan e con la maglia rossonera ha esultato sotto la curva.

Già nella scorsa stagione il suo arrivo in bianconero era sfociato in aperta contestazione da parte del pubblico della Vecchia Signora. La vittoria dello scudetto e qualche giocata importante nel finale di stagione avevano però insabbiato attriti mai realmente sopiti. Marco Borriello è così rientrato a Roma ma senza mai essere preso in consierazione nel nuovo progetto di Zdenek Zeman.

Cresciuto nel Milan, campione d'Italia con la Juventus ma di proprietà dei giallorossi. Il nuovo colpo di scena nella sua carriera potrebbe concretizzarsi già nelle prossime ore con un prestito secco che gli permetterà di vestire la maglia nerazzurra. Sarebbe il secondo "tradimento cittadino" dopo aver vestito le maglie di Genoa e Sampdoria. Chissà che la fine di carriera non lo porti anche alla Lazio e al Torino per un en plein da record.

© Riproduzione Riservata

Commenti