Basket

Serie A: Varese batte Cantù, derby al "Poz"

Pozzecco coglie il suo primo successo da coach nella massima serie. Partono bene Sassari e Reggio Emilia, vittoria stentata per Milano

varese_cantu

Paolo Corio

-

Ancora imballata nel match inaugurale l’EA7 Milano, che sabato sera è passata a Cremona solo grazie alle individualità di Samardo Samuels (in doppia doppia con 22 punti e 10 rimbalzi) e Linas Kleiza (13 punti, 7 rimbalzi), mostrano subito i muscoli le sue dichiarate avversarie di stagione: Sassari batte in casa la Virtus Bologna con 22 punti di David Logan e ben sei giocatori in doppia cifra, mentre Reggio Emilia va a vincere sul parquet della matricola Trento con 21 punti dell’inossidabile trentasettenne Rimantas Kaukenas e 17 del più che rimpianto in terra sarda Drake Diener. Da passare con l’evidenziatore anche il successo esterno della Reyer Venezia ad Avellino con 15 punti di Jeff Viggiano e 8 punti e 7 rimbalzi di Tomas Ress nell’anno uno dell’era post-Siena, di cui è stato fierissimo capitano.

Il big-match
Prima partita in A e primo derby vinto per Gianmarco Pozzecco, che guida alla meglio Varese contro Cantù e contro un coach, Pino Sacripanti, che studia basket anche mentre dorme. Segno che il “Poz” (e pochi ne dubitavano, avendolo visto in azione a Capo d’Orlando) ha tutte le qualità per allenare ai vertici, con il marchio di fabbrica della sua filosofia di gioco che sta in quei 19 assist di squadra e pure in quella camicia perennemente fuori dai pantaloni a riflettere la grinta vincente dei suoi uomini in campo. Tra i quali non può non andare la menzione d’onore al francese, di ritorno in maglia biancorossa, Yakhouba Diawara: 28 punti (e 5 assist) per un 24 di valutazione che lo elegge il migliore in campo a Masnago contro una Cantù che, seppur solo a tratti, ha mostrato di avere giocatori di grandissimo atletismo come DeQuan Jones (14 punti) e di sicure qualità come Darius Johnson-Odom (22 punti) e James Feldeine (19).

Il post-partita di Pozzecco (con i capelli tagliati)

Il caso
A un certo punto abbiamo visto materializzarsi sul pc il 73-33 dell’Enel Brindisi sulla Consultivest Pesaro, divenuto poi un altrettanto pesante 92-56 finale. Certo i marchigiani hanno tutto il tempo per riscattarsi, ma ancora una volta ci troviamo a dover riflettere sui problemi di competitività di chi è costretto a risparmi più che forzati nell’allestimento del roster per avere i conti a posto e riuscire a iscriversi al Campionato…

Highlights
Trascinatore di Varese, Yakhouba Diawara è anche il top-scorer di giornata, seguito a un solo canestro di distanza (26 punti) da Tony Mitchell dell’Aquila Trento. Miglior rimbalzista (13 in totale) è invece O.D. Anosike, che fa registrare anche la sua prima, ennesima doppia doppia con 12 punti: con tutto il rispetto per l’Avellino dell’ottimo coach Frank Vitucci, non riusciamo proprio a capire come quest’americano di passaporto nigeriano non sia finito in altri più blasonati club dopo le ottime cose già fatte vedere nella scorsa stagione a Pesaro.

I risultati della 1a giornata
Vanoli Cremona - EA7 Armani Milano 61-68, Acea Roma - Pasta Reggia Caserta 75-62, Enel Brindisi - Consultinvest Pesaro 92-56, Sidigas Avellino - Umana Venezia 71-76, Dolomiti Trento - Grissin Bon Reggio Emilia 69-78, Upea Capo d'Orlando - Giorgio Tesi Pistoia 71-74, Banco Sardegna Sassari - Granarolo Bologna 89-76, Openjobmetis Varese - Acqua Vitasnella Cantù 93-84.

Si ringrazia per le immagini il sito Supporter's Magazine.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Comunque vada, sarà il Campionato del "Poz"

La serie A ritrova Pozzecco per il suo esordio da coach nel derby Varese-Cantù. Affrontato in un modo che ci auguriamo contagioso

Nuova stagione, nuova Legabasket: le sfide del presidente Marino

Intervista al n°1 della Serie A, consapevole dei tanti problemi da affrontare ma anche certo che il Campionato al via rilancerà la pallacanestro italiana

Commenti