Basket

Reggio Emilia-Sassari, comunque uno scudetto storico

Nessuna delle due ha mai vinto un titolo: sarà quindi una finale aperta a ogni pronostico, ma con una certezza da almanacco

kaukenas

Paolo Corio

-

Stracciate il copione, questi sono i playoff 2014-2015. Ecco così la finale che pochi avrebbero pronosticato, non solo all'inizio del Campionato (impensabile allora l'assenza di Milano) ma anche solo dopo gara 6, con Sassari psicologicamente provata dalla rimonta dell'Armani prima della disfida del Forum e con Reggio Emilia fisicamente a pezzi prima dell'ultimo, decisivo ritorno a Venezia. E invece saranno proprio Grissin Bon e Banco di Sardegna, rispettivamente terza e quinta della regular-season, a giocarsi quello che - a chiunque vada - sarà il primo scudetto nella storia del club.

Avversarie, e diverse
Aperta a qualsiasi risultato (e come si potrebbe ormai scrivere altrimenti?), tatticamente la serie si presenta comunque in modo ben delineato. Da una parte l'asse play-centro costituito da Andrea Cinciarini, il migliore e più carismatico regista del torneo (12.7 punti e 6.3 assist di media contro la Reyer Venezia), e dal recuperato Darius Lavrinovic, intorno al quale ruotano i "superstiti" (da Della Valle a Kaukenas sul perimetro a Polonara, Silins e Pini nel pitturato) di una Reggio davvero falcidiata dagli infortuni durante la stagione e che ha perso definitivamente in semifinale la prolifica esperienza di Drake Diener e il giovane talento di Federico Mussini. 

Dall'altra, invece, l'esplosività balistica di un pacchetto di esterni davvero micidiale (Sosa, Logan, Dyson e Sanders si sono alternati nel perforare la retina dell'EA7 per il passaggio del turno) combinata con quella aerea di Shane Lawal, che sarà però assente per squalifica nel primo match in programma domenica alle 20.45 (diretta Raisport).

Dettaglio a margine, l'amicizia che lega i due coach avversari, Meo Sacchetti e Massimiliano Menetti, con il primo che ha di fatto "chiamato" in finale il secondo nella conferenza-stampa seguita all'impresa di Milano. Accolto l'invito, ora non rimane ai due che giocarsela dopo la semifinale di Coppa Italia andata ai sardi (poi vincitori del trofeo) e due sfide di regular-season che hanno visto un successo interno a testa...

© Riproduzione Riservata

Commenti