Basket

Playoff Nba, Harden sulla sirena: Houston batte Golden State

Con un tiro allo scadere del Barba i Rockets riaprono la serie contro i Warriors, ancora senza Curry

Golden State Warriors v Houston Rockets - Game Three

Teobaldo Semoli

-

Harden c’è, Curry no. Gli Houston Rockets fanno valere la legge (non scritta) Nba secondo cui nei playoff servono gli all star per vincere le partite e grazie al tiro a due secondi dalla fine del Barba superano, 97-96, i Warriors ancora privi del loro leader, out per l’infortunio alla caviglia di gara 1, che non riescono a evitare la decima sconfitta stagione; la prima nella post season. 

Dopo le prime 2 vittorie ad Oakland sembrava che Golden State potesse permettersi di tenere a riposo il suo numero 30 ma l’impatto con il Toyota Center è stato più traumatico del previsto con i campioni sotto 18-31 alla fine del primo quarto e Dwight Howard a fare la voce grossa in area.

I Warriors rientrano gazie a Speights (14 punti in 8 minuti del primo quarto), all'intensità Shawn Livingston (16 punti) e al sorprendente Ian Clark che a un 1,21 minuti dalla fine regala il vantaggio ai suoi. Si decide tutto negli ultimi 13 secondi: Ariza perde palla e Livingston lancia Clark per il layup del +1; Houston non ha più time out, così Harden punta direttamente Iguodala e lo batte con il jumper dalla media per il 2-1 nella serie, che ora chiama a gran voce il ritorno in campo di Curry.

Gli hightlights di Houston-Golden State

© Riproduzione Riservata

Commenti