Basket

Riparte l’Nba. Tutti i numeri della nuova stagione

Chi è il giocatore più pagato, o la squadra più ricca? Statistiche e record (da battere) della regular season 2014-2015

Teobaldo Semoli

-

Ricomincia la stagione NBA, con i riflettori puntati – come da una decina di anni a questa parte – su Lebron James, tornato a Cleveland dopo 4 anni (e due titoli) a Miami, e i San Antonio Spurs dei big three, più Marco Belinelli e, da quest’anno, anche Ettore Messina.

Come sempre, alla prima palla a due, sono tanti i temi che ruotano intorno alla stagione, che con diverse  squadre rinnovate e alcune stelle ferme ai box – vedasi Paul George, che ne avrà per un bel pezzo, ma anche l’Mvp della scorsa stagione Kevin Durant, infortunatosi al piede –  si preannuncia una delle più incerte degli ultimi anni. 

L’Nba è però fatta anche di numeri, quelli delle statistiche, del campo, e dei milioni dollari di stipendi, salari e quant’altro. Ecco allora alcuni dei dei numeri più interessanti della nuova stagione, che sta per iniziare.

1230 partite. Il numero di match della regular season Nba, che vedrà le 30 franchigie impegnate in 82 gare che inizieranno il 28 ottobre 2014 e termineranno il 16 aprile 2015.

31.700 punti. Quelli segnati da Kobe Bryant nelle 18 stagioni a Los Angeles. Il Mamba è al rientro dopo l’infortunio al tendine d’Achille che lo ha costretto a saltare gran parte della scorsa stagione. L’obiettivo è portare i Lakers, che dopo la partenza di Gasol e l’infortunio di Nash sono ufficialmente in ricostruzione, ai playoff e magari superare Michael Jordan, a quota 32.292 punti, nella classifica dei marcatori all time. 

23,5 milioni di dollari. La cifra che Bryant guadagnerà nella prossima stagione. E’ lui il giocatore più pagato dell’intera NBA, seguito dal sorprendente Amare Stoudemire che nonostante sia finito ai margini del progetto dei New York Knicks incasserà qualcosa come 23,4 milioni.

250477

Kobe Bryant, 36 anni, è il giocatore più pagato dell'NBA. (Credits: Getty Images)

Leggi l'articolo: Perché nessuno vuole giocare con Kobe Bryant

89,34 milioni di dollari. il totale degli stipendi dei Brooklyn Nets, la franchigia più ricca della lega. Il loro proprietario, il magnate russo Michail Prochorov, ha versato e sta versando vagonate di rubli per portare i Nets al titolo – l’obiettivo era di vincerlo entro 5 anni – ma da quando si è trasferita a Brooklyn la squadra non è mai andata oltre le semifinali di Conference. 

40 anni e 262 giorni. L’eta di Steve Nash, il giocatore più vecchio dell’NBA. Peccato che il playmaker dei Lakers non potrà nemmeno iniziare la stagione a causa di un infortunio alla schiena che lo costringerà, presumibilmente, al ritiro. Ecco che allora il trofeo di giocatore più anziano passa al veterano dei Washington Wizards Andre Miller, che all'anagrafe recita 38 anni e 222 giorni, 37 in più del centro dei San Antonio Spurs Tim Duncan. Ad un paio di decadi di distanza c'è il giocatore più giovane della lega, il brasiliano Bruno Caboclo – scelto dai Torono Rapotros alla posizione numero 20 dell'ultimo draft –, nato il 21 settembre del 1995.

29.1 anni. L’età media di San Antonio, la franchigia più vecchia dell’Nba. Peccato che gli Spurs di Duncan, Ginobili e Parker siano anche i campioni in carica, e finalisti delle ultime due stagioni. Passano gli anni, ma i favoriti per il titolo – Lebron James permettendo – sono ancora loro.

101. Il numero di giocatori stranieri in NBA, mai cosi tanti nella storia della lega americana. In totale, sono 37 i paesi coinvolti, con i canadesi davanti a tutti con 12 rappresentanti e gli italiani a quota 4 con Belinelli, Gallinari, Datome e Bargnani. La squadra più internazionale è ancora San Antonio, con 9 giocatori non americani.

I record da battere

100 punti. Il record di punti segnati in una sola partita da Wilt Chamberlain contro i New York Knicks, il 2 marzo del 1962. Il centro dei Los Angeles Lakers fu autore di una prestazione mai più avvicinata, se non dagli 81 punti di Kobe Bryant contro i Toronto Raptors nel 2006.

250481

La leggenda dei Los Angeles Lakers Wilt Chamberlain, capace di segnare 100 punti in una sola partita. (Credits: Getty Images)

72 vittorie. I match vinti dai Chicago Bulls di Michael Jordan nella stagione 1995-1996 che sono tuttora il record di partite vinte (con sole 10 sconfitte) in una singola regular season Nba.

33 vittorie. Il record di più partite vinte consecutive stabilito dai Los Angeles Lakers nella stagione 1971-1972 prima di essere sconfitti dai Milwaukee Bucks. Lo scorso anno i Miami Heat di Lebron James sono arrivati a quota 22 vittorie di fila.

30 assist. Il record di assistenze in una singola partita di Scott Skiles, allenatore dei Milwaukee Bucks fino alla scorsa stagione, e recentemente “spesato” per fare spazio a Jason Kidd.

50.4 punti. La media punti (inarrivabile) di Wilt Chamberlain nella stagione 1961-1962 (quella dei 100 punti in una singola partita). 

Dati di Teobaldo Semoli, consulente web marketing
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Basket: i francesi vogliono i soldi di NBA 2K15

I giocatori di Nanterre e Strasburgo, inclusi nel videogame, chiedono 120 mila euro per lo sfruttamento della loro immagine

Nba, nessuno vuole giocare con Kobe Bryant

Antipatico e con uno stipendio troppo alto. Così gli altri All Star snobbano il Mamba e i Lakers in crisi

Nba, Wade: uno contro uno.. con una nonna di 90 anni!

Il regalo speciale della stella degli Heat per il compleanno di un'anziana tifosa

Commenti