Basket

Nba Finals, Golden State al tappeto: il titolo è di Cleveland dopo 52 anni

LeBron James regala ai Cavs il primo anello della loro storia. Decisivo Irving con una tripla a un minuto dalla fine

2016 NBA Finals - Game Seven

Teobaldo Semoli

-

“Cleveland, questo è per te”.

Bastano le poche semplici parole pronunciate da un LeBron James in lacrime dopo la vittoria 93-89 in gara 7 contro i Golden State Warriors per descrivere al meglio l’impresa dei Cavaliers, che riportano un titolo nella città dell’Ohio dopo 52 anni e lo fanno diventando la prima squadra della storia a trionfare nelle Finals Nba rimontando dall’1-3.

Una serie finale che a 53 secondi dalla fine dei tempi regolamentari vedeva le due squadre in assoluta parità, 699-699 (89 pari il punteggio della partita), prima che Kyrie Irving - 26 punti e sei assist - infilasse il canestro della storia per Cleveland con una tripla in step-back sulla faccia di Steph Curry.

Gli highlights di Golden State-Cleveland gara 7

Il due volte Mvp ha chiuso gara 7 con 17 punti, 4 perse e tanti errori nel finale, compreso l’airball sull’89 pari che avrebbe potuto regalare il vantaggio decisivo ai Warriors. Non è riuscito a fare meglio Klay Thompson: 14 punti e 6 su 17 dal campo. Così a tenere a galla Golden State fino al canestro decisivo di Irving ci ha pensato un Draymond Green in serata di grazia, autore di 32 punti (6 su 8 da tre) e fermatosi a un passo dalla tripla doppia (15 rimbalzi e 9 assist); quella che invece è riuscita all’Mvp delle Finals LeBron James – è la sua settima tripla doppia nelle finali – che ha segnato anche il tiro libero della sicurezza per i Cavs prima di esplodere in un pianto liberatorio accasciandosi sul parquet della Oracle Arena.

 

Per James si tratta del terzo titolo della carriera ma è evidente come quello appena conquistato con i Cavs abbia un sapore del tutto particolare per il nativo dell’Ohio, ritornato a Cleveland due stagioni fa dopo il doloroso abbandono e quattro anni (con due anelli vinti) a Miami e che con la squadra sotto 1-3 nella serie ha preso sulle spalle i compagni con due partite da 41 punti e una gara 7 che è già nella storia con una serie di giocate  – la terza stoppata a Curry, ma soprattutto una clamorosa ‘chasedown’ in recupero su Iguodala.. – che raccontano di un uomo in missione capace davvero di dare ‘sangue, sudore e lacrime per la vittoria’.

© Riproduzione Riservata

Commenti