Basket

Nba: Boston e Portland le vere sorprese in vista dei playoff

Nell'ultima settimana i Celtics suggellano a Est una super-stagione battendo i Warriors, mentre a Ovest Blazers quasi certi della post-season

Boston Celtics v Golden State Warriors

The Basketball Post

-

Il punto dell'ultima settimana Nba a cura del sito The Basketball Post: le squadre "on fire" e quelle in difficoltà, i giocatori in evidenza, le partite più appassionanti degli ultimi sette giorni e quelle da non perdere nei prossimi...

Qui Est

La squadra. Si poteva impreziosire una stagione già estremamente positiva visto il momentaneo e insperato terzo posto nella Eastern Conference? Risposta affermativa. I Boston Celtics di Brad Stevens entrano nei libri di storia fermando a quota 54 (e a casa loro) la striscia di successi consecutivi in regular season dei Golden State Warriors. Non è un caso che a riuscire nell'impresa sia stata una delle squadre più organizzate e meglio allenate della lega.

Il giocatore. Con il rischio di sembrare ripetitivi, bisogna ancora una volta nominare giocatore della settimana LeBron James. Il Re di Cleveland nelle tre apparizione sul parquet dell'ultima settimana ha collezionato numeri da capogiro (28 punti, 10.7 assist, 9.3 rimbalzi e 2.3 recuperi a partita), cifre che solo in parte spiegano l'impatto che King James ha sulla sua squadra. I playoff sono sempre più vicini e LeBron c'è.

La partita. Nonostante una sontuosa tripla doppia di Jimmy Butler (28 punti, 17 rimbalzi e 12 assist) i Chicago Bulls perdono tra le mura amiche contro i Detroit Pistons. La vittoria per 90-94 degli uomini guidati da coach Stan Van Gundy apre quasi definitivamente le porte della post-season ai Pistons, mentre complica maledettamente la vita ai Bulls, che ora sono chiamati ad un filotto di vittorie per chiudere la stagione evitando una clamorosa eliminazione dai playoff.


Il caso.
Le tre sconfitte nella trasferta ad Ovest hanno certificato il fallimento dei Washington Wizards. Dopo la semifinale di Conference dello scorso anno, la formazione della Capitale era chiamata a una riconferma, se non a un'ulteriore crescita, per provare ad attirare Kevin Durant durante la prossima off-season: impresa miseramente fallita, nonostante un John Wall che si è espresso su livelli molto buoni. Ora il futuro dei Wizards non promette di essere dei più luminosi.

Da non perdere. Alle 2.00 di notte di venerdì 8 aprile sfida chiave per i Chicago Bulls che devono assolutamente vincere sul difficile campo dei Miami Heat per tener vive le speranze playoff. E sempre i Chicago Bulls domenica 10 aprile (ore 2.30) ospiteranno i Cleveland Cavaliers di LeBron James, che potrebbero essere ancora una volta fatale a Derrick Rose e compagni dopo averli eliminati dalla scorsa post-season.

Qui Ovest

La squadra. Manca solo il conforto della matematica, ma ormai possiamo darlo per certo: i Portland Trail Blazers centreranno i playoff, per un risultato che nemmeno il più ottimista dei loro tifosi avrebbe immaginato all'apertura di questa stagione. I successi ottenuti in questa settimana contro i Miami Heat e i Boston Celtics consentono a Damian Lillard e compagni di puntare addirittura al quinto posto ad Ovest, un vero e proprio miracolo sportivo.

Il giocatore. Per la serie "la classe operaia va in paradiso", ecco a voi JJ Barea: la guardia portoricana dei Dallas Mavericks è risultata più volte decisiva nelle quattro sfide (tutte vinte) giocate dai texani nell'ultima settimana, successi determinanti per la serratissima lotta verso la postseason. Barea nell'ultima settimana ha collezionato quattro prestazioni sopra i 20 punti, risultando decisivo con i 26 messi a referto nella vittoria dei suoi Mavericks sul campo dei New York Knicks e con i 27 con cui Dallas ha superato in casa gli Houston Rockets.

La partita. Show di James Harden (41 punti) nella spettacolare vittoria degli Houston Rockets per 118-110 sugli Oklahoma City Thunder, ai quali non bastano i 33 punti di Kevin Durant e la tripla doppia sfiorata da Russell Westbrook.

Il caso. Dopo gli infortuni di Marc Gasol prima e di Mike Conley poi, era lecito aspettarsi un tracollo da parte dei Grizzlies, e anche se a Memphis con grande tenacia sono all'inizio riusciti a rimandare l'inevitabile, ora il conto della fatica inizia a presentarsi. La formazione guidata da coach David Joerger è reduce da 6 sconfitte nelle ultime 7 uscite e vede il suo quinto posto, che fino a una settimana fa sembrava solidissimo, messo in serio pericolo: difficile pensare che nei playoff questa squadra possa rappresentare un ostacolo concreto per team di alto livello.

Da non perdere. Venerdì 8 aprile alle 4.30 di notte va in scena il penultimo atto in regular season della sfida tra i Golden State Warriors e i San Antonio Spurs, mentre l'ultimo avrà luogo in Texas all'1.00 di lunedì 11 aprile. Non è difficile prevedere che i due coach nasconderanno alcune delle proprie carte in vista di un probabilissimo scontro durante i playoff, ma l'interesse rimane... Da segnalare anche giovedì 14 aprile (ore 4.30) la sfida tra i Los Angeles Lakers e gli Utah Jazz per l'ultima partita in assoluto di Kobe Bryant.

Clicca qui per essere sempre aggiornato sul campionato Nba 2015-2016.

© Riproduzione Riservata

Commenti