Basket

Hackett squalificato: serie sempre più dura per Milano

Con Sassari sul 3-1, l'Olimpia perde uno dei suoi leader. Appello a crederci di capitan Gentile, ma i campioni d'Italia rischiano l'eliminazione dai playoff

daniel_hackett

Paolo Corio

-

Previsto un weekend infuocato al Forum come nel resto d'Italia, ma in casa Armani piove sul bagnato: sotto per 3-1 nella serie dopo la seconda sconfitta consecutiva a Sassari (trascinata da 19 punti di Logan con 5/8 nelle triple, 15 di Sanders e 13 con 9 rimbalzi di Lawal), l'Olimpia Milano dovrà infatti fare a meno di Daniel Hackett, squalificato per due giornate poiché - come si legge nel comunicato disciplinare della Federbasket - "dopo un fallo tecnico fischiato nei suoi confronti, protestava platealmente avverso le decisioni arbitrali, rivolgendo frasi offensive verso gli arbitri. Tentava inoltre di dirigersi, con atteggiamento minaccioso, verso il terzo arbitro ma veniva prontamente fermato da alcuni compagni di squadra. Tale comportamento continuava mentre si allontanava dal terreno di gioco, aggravato da ulteriori comportamenti espressi platealmente (lancio di una fascia ferma capelli in direzione di uno degli arbitri)". Respinto il ricorso dell'Olimpia, i campioni d'Italia potranno così rivedere in campo il loro play solo nel caso di un'eventuale settima partita.

L'appello di capitan Gentile
Già in salita, la strada dell'EA7 per rimettere in equilibrio la situazione si fa così decisamente impervia. Con Hackett che non potrà rispondere alla "chiamata alle armi" dell'amico e capitano Alessandro Gentile (24 punti nell'ultima partita, 21,5 di media nella serie), che fa sapere attraverso una nota del club: "Noi siamo ancora l’Olimpia e siamo ancora la squadra Campione d’Italia. In questo momento siamo tutti molto arrabbiati e amareggiati: giocatori, staff e anche voi tifosi. Ma voglio ripetere che noi siamo l’Olimpia Milano ed è nostro dovere crederci e lottare fino in fondo. Sabato quello che faremo lo faremo tutti insieme, rimarremo uniti perché essere ad una sconfitta dall’eliminazione significa soprattutto una cosa: che non è finita". Messaggio che è anche un appello ai tifosi a dare il loro massimo sostegno, in una serata che potrebbe anche far rischiare qualche defezione per la finale di Champions League (la partita del Forum è in programma alle 18.15, ma i tempi di rientro sono proprio sul filo rispetto al calcio d'inizio di Juventus-Barcellona).

L'altra serie: Reggio Emilia in emergenza
Sotto per 2-1 dopo essere stata sconfitta in casa, la Grissin Bon ha un altro match interno per cercare di riequilibrare la serie con Venezia, ma è anche in piena emergenza roster: dopo lo stop già in gara 3 di Darius Lavrinovic, il migliore in biancorosso di questi playoff, gli emiliani rischiano infatti di non poter disporre nemmeno di Drake Diener per una contusione alla mano destra. Occasione più che ghiotta allora per la Reyer Venezia per allungare il gap prima di tornare al PalaTaliercio.

© Riproduzione Riservata

Commenti