Reggio Emilia conquista l'EuroChallenge

Storico successo internazionale per la Pallacanestro Reggiana, mentre in Campionato si accende la lotta per l'ultimo posto valido per i playoff

La squadra e lo staff tecnico di Reggio Emilia festeggiano la storica vittoria in EuroChallenge. – Credits: Ansa.

Paolo Corio

-

L’impresa di Reggio Emilia. Sul parquet per una volta amico di Bologna, la Grissin Bon Reggio Emilia conquista l’EuroChallenge superando per 79-65 i russi del Triumph Lyubertsy. Non è l’Eurolega, certo, ma anche il budget della Pallacanestro Reggiana - al suo primo trofeo in 40 anni di storia - non è quello dell’EA7 Milano: ecco allora che a pochi giorni di distanza il successo dei biancorossi emiliani fa da netto contraltare al flop degli altri, più blasonati biancorossi, lasciatisi sfuggire la possibilità di giocare le “Final Four” al Forum di Milano con un pessimo esordio nella serie playoff che li vedeva opposti al Maccabi… Ma torniamo a Reggio Emilia e alla sua storica impresa, che replica a cinque anni di distanza il successo (ultimo del nostro basket a livello europeo) della Virtus Bologna: 17 punti del top-scorer James White, 15 dell’inossidabile lituano Rimantas Kaukenas e 14 dell’altro talentuoso americano Troy Bell sono stati la chiave di una vittoria di squadra, che porta anche la firma in regia di Andrea Cinciarini (7 punti e altrettanti assist) e sotto canestro di Riccardo Cervi (7 punti, 5 rimbalzi). Più di tutti, però, va celebrato l’ottimo coach Max Menetti, capace di guidare i suoi uomini a questo prestigioso trofeo dopo l’ottima figura alle ultime “Final 8” di Coppa Italia e con Reggio Emilia ancora assolutamente in corsa per avere un posto - come già la scorsa stagione - nei playoff 2014.

La 28a giornata di Campionato. In attesa dei “posticipi” del 1° maggio, con la capolista Armani in trasferta ad Avellino e Reggio Emilia a Venezia, continuano appaiate nella volata per il secondo posto l’Acqua Vitasnella Cantù, che passa facile a Montegranaro, e la Montepaschi Siena, che coglie un altrettanto largo ma molto meno scontato successo interno contro l’Enel Brindisi. Lotta aperta anche per l’ultima piazza valida per i playoff: in lizza Caserta e Pistoia, sorprendentemente corsare a Sassari e Roma, oltre a una ritrovata Cimberio Varese, che supera nell’ennesimo derby lombardo la Vanoli Cremona. Ancora aperta anche la lotta per la salvezza, con Pesaro che si riavvicina a Montegranaro grazie alla vittoria interna sulla Granarolo Bologna.

Top-scorer. Con 30 punti e 10 rimbalzi (per 41 di valutazione) è Caleb Green il migliore in assoluto del turno, ma la sua performance non evita a Sassari l’inattesa e bruciante sconfitta a opera di Caserta, trascinata dai 22 punti di Jeff Brooks (con però 8/18 da due) e dai 19 di un chirurgico Chris Roberts (3/5 da sotto, 3/3 da oltre l’arco). A nulla servono anche i 26 punti di Dwight Hardy (Granarolo Bologna), frutto peraltro di un poco preciso 6/11 da sotto e 3/9 dalla lunga.

Highlights. 8/9 da due e 2/2 ai liberi per 18 punti totali: è l’ottimo tabellino con cui Brad Wanamaker guida Pistoia alla vittoria nella capitale, accendendo il sogno playoff tra i tifosi toscani. Doppia doppia vincente anche per il senese Othello Hunter (13 punti e altrettanti rimbalzi) e per il pesarese O.D. Anosike (10 punti, 16 rimbalzi), anche se a mantenere vive le speranze di salvezza della Victoria Libertas è la tripla allo scadere di Elston Turner (11 totali, con 2/4 da oltre l’arco).

Flop-scorer. 4 punti in 21’ di gioco per Josh Mayo nella sconfitta di Roma; 3 punti e 5 assist per Travis Diener in quella di Sassari. Brindisi ne ha invece 45 dal suo americano trio di punta (James 17, Dyson 15, Campbell 13), ma solo 21 dagli altri sei impiegati sul parquet da coach Bucchi… 4 punti con 2/8 da sotto per Marco Cusin (Acqua Vitasnella Cantù) in 24’ sul parquet.

Italians. 16 punti e 5 assist per Andrea De Nicolao, vero regista del successo della Cimberio Varese; 13 punti e 2 assist per Marco Mordente, vero capitano di Caserta. 19 punti e 7 rimbalzi di Valerio Mazzola (Montegranaro) contro una Cantù trascinata da Pietro Aradori (22 punti, 4 assist) e con in doppia cifra anche Awudu Abass (12).

Risultati 28a giornata: Acea Roma-Giorgio Tesi Group Pistoia 75-87, Montepaschi Siena-Enel Brindisi 84-66, Sutor Montegranaro-Acqua Vitasnella Cantù 70-96, Cimberio Varese-Vanoli Cremona 78-70, Banco di Sardegna Sassari-Pasta Reggio Caserta 92-95, Victoria Libertas Pesaro-Granarolo Bologna 79-78; Umana Venezia-Grissin Bon Reggio Emilia e Sidigas Avellino-EA7 Milano in programma il 1° maggio.

Classifica: EA7 Emporio Armani Milano 42; Montepaschi Siena, Acqua Vitasnella Cantù 38; Enel Brindisi 36; Banco di Sardegna Sassari 34; Acea Roma 30; Grissin Bon Reggio Emilia, Pasta Reggia Caserta 28; Giorgio Tesi Group Pistoia, Cimberio Varese 26; Umana Venezia, Sidigas Avellino e Granarolo Bologna 22; Vanoli Cremona 20; Sutor Montegranaro 16; Pesaro 14. Milano 2 partite in meno; Reggio Emilia, Venezia, Avellino e Cremona una partita in meno.

© Riproduzione Riservata

Commenti