Serie A: così i quarti playoff con Milano favorita

Eguagliato il record senese di 19 vittorie consecutive e rafforzatasi ancora con il play Willie Deane, l'EA7 punta ora al titolo. I fattori-chiave delle serie

Milano e Siena alla fine dell'ultima partita di Campionato: ci sarà una successione al titolo? – Credits: Alessia Bruchi / www.dailybasket.it

Paolo Corio

-

Prima palla a due dei playoff 2014 lunedì 19 maggio con la prima della classe (e favorita per lo scudetto) EA7 Milano che affronterà in casa la rivelazione della stagione Pistoia, mentre Sassari giocherà la prima partita della serie (al meglio delle 5 nei quarti, delle 7 dalle semifinali) contro Brindisi. Martedì 20 maggio sarà poi la volta di Cantù contro Roma e di Siena contro Reggio Emilia. Sfida per sfida, ecco cosa c'è da attendersi sul parquet da questi quarti playoff...

EA7 Milano-Giorgio Tesi Group Pistoia. Dopo aver eguagliato il record di Siena in regular-season andando a vincere per la 19a volta consecutiva proprio sul campo della Montepaschi, la squadra di coach Banchi si presenta da assoluta favorita per la vittoria finale. Dall'altra parte, una sorprendentissima Pistoia che, sotto la guida di Paolo Moretti, ha raggiunto i playoff alla sua prima stagione in serie A e a conclusione di un'incredibile rimonta finale. Se i toscani si trovano nella classica situazione di non aver nulla da perdere e di poter dunque giocare con quella serenità d'animo che favorisce imprese inattese, al contempo è facile immaginare che si sentano più che appagati di partecipare alla passerella finale. Tradotto sul campo: pronostico assolutamente dalla parte di Milano, che ne approfitterà per recuperare appieno capitan Gentile e per inserire il neo-acquisto Willie Deane, playmaker americano con passaporto bulgaro in arrivo dai russi del Krasny Oktyabr, dove stava viaggiando a 18.7 punti, 7.3 assist e 4.9 rimbalzi di media.

Banco di Sardegna Sassari-Enel Brindisi. Anche se i pugliesi di coach Bucchi hanno fatto registrare un netto calo di rendimento nel finale di regular-season, perdendo tra l'altro nettamente proprio a Sassari all'ultima giornata di Campionato, questa serie non è poi così scontata... Il fattore-chiave per Sassari sarà ovviamente la percentuale di squadra nel tiro da tre e quella individuale di Drake Diener, che ha chiuso da capocannoniere il torneo con 19,4 punti a partita, frutto di un 63% da sotto e 51,9% da oltre l'arco. Primo compito della difesa di Brindisi sarà quindi quello di evitare che le fiammate del "Drago" incendino la serie, confidando dall'altra parte del campo di poter contare non solo sul tiro di Jerome Dyson e Delroy James ma anche su quello del resto del quintetto in campo.

Acqua Vitasnella Cantù-Acea Roma. Sconfitti l'anno scorso in una tiratissima semifinale, i brianzoli di coach Sacripanti hanno ora la possibilità di prendersi la rivincita. A patto di ritrovare l'energia smarrita negli ultimi turni (soprattutto sotto canestro, con Cusin e Uter in netto calo di reattività) e di non commettere l'errore di sottovalutare una Roma che se da un lato non ha più né l'Nba Gigi Datome né un centro intimidatore come l'ora milanese Gani Lawal, è comunque stata capace di rimanere nella parte alta della classifica per tutto il Campionato a dispetto di un problema in regia sorto con il ko di Jordan Taylor e almeno parzialmente risolto con l'arrivo da Montegranaro di Josh Mayo. Altro fattore a favore di Cantù è quello del campo, considerato che questa stagione Aradori & compagni hanno vinto tutti gli incontri di Campionato disputati al Pianella, dove Roma ha peraltro perso di un solo possesso (83-80).

Montepaschi Siena- Grissin Bon Reggio Emilia. Dal futuro decisamente incerto, dall'immagine ineluttabilmente compromessa dal caso Minucci , Siena ha mostrato sul campo tutto il suo orgoglio e tutta la sua determinazione a non arrendersi. Con l'abbinamento nei playoff che la oppone a una Grissin Bon Reggio Emilia scivolata ad Avellino nell'ultimo turno ma resa ancora più consapevole delle sue potenzialità dal successo in EuroChallenge. Sulla carta Siena è più forte, grazie anche e soprattutto alla superiorità sotto canestro assicurata da Othello Hunter, ma è senz'altro questa la serie più aperta dei quarti di finale playoff, con i destini di Reggio Emilia affidati anche e soprattutto alla regia di un Andrea Cinciarini protagonista sinora di una stagione a dir poco eccellente.

Menzione d'onore, infine, alla rimonta salvezza della Victoria Libertas Pesaro ai danni dei cugini di Montegranaro, anche se le precarie condizioni economiche della Sutor - con stipendi pagati a singhiozzo e la necessaria cessione di Mayo - hanno condizionato non poco la seconda parte di stagione della squadra di coach Recalcati... Non è insomma solo la vicenda di Siena a dover far riflettere FipLegabasket sulla necessità di instaurare tutto un altro regime di controllo finanziario dei club per ridare in futuro piena credibilità alla nostra pallacanestro.

Si ringrazia per le immagini il sito www.dailybasket.it .

© Riproduzione Riservata

Commenti