Getty Images
Sport

Barcellona: stop al mercato fino a gennaio 2016

Il Tribunale arbitrale dello sport conferma la condanna per violazione delle norme sul trasferimento di giocatori minorenni

Nessuna revisione, nessuno sconto, nessun nuovo giocatore in arrivo per il Barcellona: il Tribunale arbitrale dello sport (TAS) ha confermato il divieto per il club catalano di operare sul mercato per le prossime due sessioni, ovvero fino al gennaio 2016, per aver violato le disposizioni della Fifa sul trasferimento di giocatori minorenni e di nazionalità straniera.

"Il Barcellona ha infranto le regole relative alla protezione e registrazione di giocatori minorenni che giocano nelle scuole calcio'', si può leggere nel relativo comunicato del Tas, per il quale ''la decisione presa dalla Fifa ad aprile è confermata e la sanzione resta in vigore''. Oltre a rimanere fermo sul mercato, il Barcellona dovrà pagare una multa di 450.000 franchi svizzeri (375.000 euro), alla quale si aggiunge un richiamo ufficiale.

Ricordiamo che il divieto di fare mercato era inizialmente riferito già alla sessione estiva del 2014 e a quella invernale di gennaio, ma il club catalano aveva avuto una sospensione cautelare della sanzione da parte della Fifa potendo così rafforzarsi in vista della stagione 2014-2015 anche con l’acquisto del bomber uruguaiano Luis Suarez.

Immediata la replica dei blaugrana attraverso il sito ufficiale: ''La sanzione è del tutto sproporzionata, in quanto rappresenta una punizione eccessiva". Inoltre, la società catalana assicura di essere ''sempre stata convinta di agire correttamente” e di ritenere che “gli errori che il club potrebbe aver commesso e che sono stati riconosciuti sono in ogni caso di natura amministrativa e in gran parte sono stati causati dal conflitto esistente tra la i regolamenti della Fifa e la legislazione spagnola''.

Ti potrebbe piacere anche