Sport

Baldini:"L'oro di Andrea vale doppio"

La lettera dei genitori di Andrea Baldini dopo l'ingiusta esclusione per doping dalle Olimpiadi di Pechino 2008 e la medaglia d'oro vinta due giorni fa a Londra 2012.  

Andrea Baldini assieme ai fratelli Foto Augusto Bizzi

Andrea Baldini assieme ai fratelli Foto Augusto Bizzi

Non potevano non gridare la loro gioia davanti al figlio Andrea mentre saliva sul gradino più alto del podio. Un posto, quello sul podio, e una medaglia che Andrea Baldini e la sua famiglia si erano visti negare con l'ingiusta esclusione per doping dell'Olimpiadi di Pechino.

Una accusa che si è dimostrata infondata ma che ha fatto perdere una grande occasione ad un campione del fioretto come ha dimostrato di essere il livornese, Andrea Baldini.

Enrico e Rita Baldini, dopo il dolore di Pechino ma anche la gioia immensa di Londra 2012 hanno scritto una lettera in esclusiva a Panorama.it:

E’ oro! Abbiamo gridato in mezzo ad un palazzetto gremito di italiani che di scherma non erano neppure molto  ferrati ma che sventolavano, instancabilmente,  il tricolore. “E’oro”. Ed è la medaglia olimpica che vale doppio per tutti noi: Olimpiadi di Londra 2012 ma anche l’irraggiungibile e “ingiusta” Pechino 2008.

Quattro anni fa,la fatica, la passione e la voglia di vincere di Andrea lasciarono spazio solo a tanta delusione, rabbia e disperazione. Un'ingiusta “condanna” a non salire su una pedana che poteva farlo e fare sognare tutti noi, e tutti gli amanti della scherma, come due giorni fa.

Adesso quando abbiamo visto mio figlio in ginocchio sulla pedana che urlava tutta la sua felicità dopo l’ultima stoccata  vincente,  abbiamo pianto di gioia. Vederlo felice dopo le sofferenze che aveva patito per l’ingiusta esclusione dalle olimpiadi di Pechino, ha ripagato anche noi genitori  di tanto dolore.

In quel momento abbiamo rivissuto le parole che Andrea ci aveva detto dopo l’esclusione dall' esperienza cinese:”Non è stato solo come perdere una gara  ma qualcosa di più grande. Qualcosa che avevo inseguito con la mente e con tutte le mie forze per tutta la vita. Questa è la vera perdita. Non l’olimpiadi di per sé ma quello che aveva rappresentato e per tutto il tempo che avevo investito. Per arrivare là sono stati mille gli ostacoli da superare” E a Londra, Andrea ha cancellato tutto e superato  se stesso.

E’ stato meraviglioso vedere l’abbraccio con gli altri ragazzi della squadra e con il grande ct  Stefano Cerioni. Gli occhi di tutti parlavano più delle parole".

                                                                       Enrico e Rita Baldini, genitori del campione olimpico!

© Riproduzione Riservata

Commenti