Al via le iscrizioni della Coppa d'oro delle Dolomiti

La storica gara delle auto d'epoca, in programma tra 23 al 26 luglio, prevede quest'anno 13 passi dolomitici e 45 prove cronometrate

coppadolomiti2

– Credits: UFFICIO STAMPA

Di Francesco Bisozzi

Non è solo una gara storica, ma anche un viaggio alla scoperta delle Dolomiti, dal 2009 patrimonio dell'umanità dell'Unesco. L'edizione 2015 della Coppa d'Oro delle Dolomiti è stata presentata oggi a Roma e si svolgerà dal 23 al 26 luglio. Tre le tappe in programma (una in notturna, ed è questa la grande novità rispetto alle precedenti edizioni) con partenza e arrivo sempre a Cortina. Saranno ammesse a partecipare auto costruite tra il 1919 e il 1961, alle quali si aggiungeranno 30 autovetture (al massimo) costruite tra il 1962 e il 1965, purché rivestano un particolare interesse storico.

Alla presentazione dell'evento hanno preso parte tra gli altri Alessandro Casali, organizzatore pure della 1000 Miglia storica; il presidente dell'Aci, Angelo Sticchi Damiani, e quello del Coni, Giovanni Malagò. Che pur di esserci («Non potevo mancare, tutti sanno che le auto e Cortina occupano un posto speciale nel mio cuore», ha sottolineato l'ospite d'onore una volta presa la parola) ha corso il rischio di arrivare tardi al primo incontro con il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, in vista della candidatura di Roma alle Olimpiadi 2024.

No, la Coppa d'Oro delle Dolomiti non è una gara come le altre. In quanto a notorietà, non ha molto da invidiare nemmeno alla 1000 miglia. L'edizione di quest'anno si articolerà lungo un percorso di 509 chilometri: i partecipanti dovranno fare i conti con 13 passi dolomitici e 45 prove cronometrate. Il 23 luglio, primo giorno della Coppa, sarà dedicato alle verifiche tecniche. La partenza vera e propria avverrà l'indomani. Tra i concorrenti ci saranno anche Giuliano Canè e consorte (la coppia ha vinto tanto, a casa di Coppe d'Oro delle Dolomiti i Canè ne hanno già otto) che hanno annunciato: «Quest'anno correremo su una scoperta».

La gara (e che gara, per partecipare alla Coppa d'Oro delle Dolomiti bisogna versare quasi 3 mila euro d'iscrizione, il che la dice lunga) non interessa solo ad anziani collezionisti pronti a sfoggiare le sportive di pregio che custodiscono nei loro garage, ma strizza l'occhio anche a piloti più giovani. Sì, a prima vista può rassomigliare a una sorta di viaggio nel passato, questo è vero, ma in realtà è un evento concepito per guardare al futuro, assicurano gli organizzatori. Ci si può iscrivere alla Coppa d'Oro delle Dolomiti direttamente sul sito www.coppadorodelledolomiti.it fino al 7 giugno.

coppadolomiti

Il programma di quest'anno

© Riproduzione Riservata

Commenti