Renzi su addio Pianigiani: "Ora si dedicherà di più alla Nazionale"

Valentino Renzi, presidente della Legabasket, ci racconta come ha preso la decisione di Pianigiani di lasciare il Fenerbahce dopo soli 6 mesi

Simone Pianigiani durante un match lo scorso 2 febbraio (Credits: Jorge Guerrero/AFP/Getty Images)

Riccardo Vetere

-

Simone Pianigiani che lascia il Fenerbahce dopo soli 6 mesi dall’inizio dell’esperienza turca è un filmine a ciel sereno. Nessuno se lo aspettava, tanto meno dopo così poco tempo dall’addio al suo Siena. L’uomo dei 6 scudetti consecutivi e del regno incontrastato del Montepaschi tornerà ora in Italia, dove è atteso per chiarire gli impegni con la Nazionale azzurra, di cui rimane ovviamente il ct. 
Gianni Petrucci lo accoglierà venerdì e insieme faranno il punto dei prossimi appuntamenti in vista dell’Europeo in Slovenia.

Eppure l’avventura Turca di Simone Pianigiani non stava andando male, col primo posto in classifica mantenuto e la Coppa di Turchia conquistata. Probabilmente sono pesate le sei sconfitte su otto gare di Top 16 di Eurolega e il meno 39 rimediato in casa dal Barcellona; saranno forse pesate su di lui, ma non sulla decisione del club turco. Del resto non si possono dimenticare in un batter d’occhio anche quattro Coppe Italia, cinque Supercoppe italiane e due partecipazioni alle Final Four di Eurolega.
 
In una nota ufficiale congiunta col club turco, infatti, non emergono contrasti tra le parti, ma grande rispetto e stima, con il dispiacere esplicito del Fenerbahce di dover lasciar andare a malincuore uno degli allenatori più preparati in Europa: “Simone Pianigiani ringrazia il Fenerbahce per l'esperienza trascorsa in questi mesi - si legge nel comunicato - in uno dei club più prestigiosi d'Europa e per l'apprezzamento da parte del club quotidianamente, e sino ad oggi manifestato, relativo al suo operato. Simone Pianigiani è orgoglioso di aver fatto parte della grande famiglia del Fenerbahce, anche per gli ottimi rapporti personali intrattenuti ed è per questo motivo che ne rimarrà sempre tifoso. Il Fenerbahce, preso atto della irrevocabile decisione del coach, lo ringrazia per la sua grande professionalità e carica umana, dichiarandosi orgogliosa di aver lavorato con uno dei più grandi allenatori d'Europa, avendo il Pianigiani contribuito alla vittoria della Coppa di Turchia e al primo posto in classifica in campionato. Il Fenerbahce augura a Simone Pianigiani le migliori fortune per la sua carriera". I motivi restano però ancora fumosi, soprattutto perchè questa è stata una decisione del tutto imprevedibile.
 
L’attuale presidente della Legabasket, Valentino Renzi, in carica dal 2009 e rieletto anche nel 2012, ha conosciuto Pianigiani durante il suo regno italiano e racconta a Panorama.it come ha preso questa inaspettata decisione del ct della Nazionale azzurra: “Francamente, fare una valutazione su questa decisione senza conoscere da vicino i fatti è difficile. Ho molto stima di lui e se ha maturato questa decisione va sicuramente rispettata; avrà avuto le sue buone ragioni”– le parole del presidente Renzi - . Che poi spiega come ha preso questa decisione di Pianigiani: “Con molta sorpresa e imprevedibilità - aggiunge - sono molto dispiaciuto. Ha dimostrato in Italia tutto il suo valore, anche nella sua prima Eurolega. C’è sicuramente sorpresa…”.
 
Ma ora che ne sarà del futuro di Pianigiani? Tornerà ad allenare un club italiano? “Certamente è già allenatore dell’Italia e se guardiamo il bicchiere mezzo pieno si potrà dedicare di più alla nostra Nazionale, guardando e seguendo più da vicino i nostri ragazzi”. Si parla e vocifera di un addio dovuto a motivi di salute, che nulla avrebbero a che vedere con il lato sportivo dunque: “Voci disdicevoli, l’unico che sa il perchè di questa decisione è lui e presto o tardi darà la spiegazione reale dei fatti”.
 
Se tornasse dunque ad allenare un club italiano, il presidente Renzi sarebbe contento? “Voglio dire, ha vinto tantissimo e ben venga quindi. Anzi: ben tornato a Pianigiani!”.
 

© Riproduzione Riservata

Commenti