Pantani è stato ucciso

C'è forse una nuova verità dietro la morte del Pirata. La procura di Rimini ha aperto un'inchiesta. Ecco le carte - Fotostoria

Un'immagine di Marco Pantani. Il ciclista morì il 14 febbraio del 2004 – Credits: ANSA/CARLO FERRARO

Andrea Soglio

-

Marco Pantani non morì per caso, per overdose solo nella stanza d'albergo a Rimini dove venne trovato la sera di san Valentino, il 14 febbraio del 2004. Ma venne ucciso.

E' la conclusione shock del lavoro durato quasi un anno del pool di esperti voluti dalla famiglia del ciclista romagnolo che non si erano arresi alla sentenza delle Cassazione che due anni fa aveva assolto l'unico imputato, il presunto pusher di Pantani, accusato di aver venduto la dose fatale di cocaina purissima "perché il fatto non costituisce reato".

Ora però le conclusioni della perizia medico legale condotta dal professor Francesco Maria Avato unite allo studio delle carte della prima inchiesta racconterebbero un'altra verità, con due nuovi capi d'imputazione: omicidio volontario e alterazione del cadavere e dei luoghi.

I documenti sono stati portati alla procura di Rimini dalla famiglia che ha presentato un esposto e la procura ha ritenuto talmente credibili queste conclusioni al punto da aprire nuove indagini. Il fascicolo al momento non ha persone iscritte nel registro degli indagati ed è stato affidato al procuratore capo, Paolo Giovagnoli, e al pm Elisa Milocco.

Questa la ricostruzione di quanto accadde quella notte nel residence "Le Rose":

Pantani non era solo nella stanza, come invece aveva raccontato il primo processo. In stanza con lui ci sarebbero due persone, entrate dal garage per non farsi vedere. Pantani conosce quelle persone che bussano alla porta e le fa entrare. Ma presto scoppia un litigio.

Il Pirata chiama la reception, 2 volte, chiede aiuto perché non vuole quei due uomini in stanza con lui. Chiede addirittura che vengano chiamati i Carabinieri.

La situazione degenere. Pantani viene picchiato, immobilizzato a terra. In una borraccia viene diluita una grossa quantità di cocaina. Pantani viene costretto a bere tutto il quantitativo di droga. Impossibile per il medico legale assumerla se non diluita. Impossibile che Marco possa averlo fatto da solo ed in maniera volontaria.

Dopo averlo ucciso i due uomini spostano il corpo di Marco ed inscenano il presunto delirio nella stanza, gettando a terra oggetti di vario tipo, prima di sparire senza farsi notare.

Una ricostruzione drammatica che ha molti lati oscuri: chi erano queste persone? Perché Pantani è stato ucciso? Ci sono stati degli errori nella prima inchiesta?

Domande a cui questa nuova inchiesta dovrà cercare di dar delle risposte.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Marco Pantani: 10 anni senza il "Pirata"

Solo, in un residence di Rimini, 10 anni fa moriva Marco Pantani. 10 immagini per ricordarlo

Commenti