Matteo Politanò

-

Lo slovacco Peter Sagan trionfa tra le palme di Doha e conquista il suo secondo mondiale consecutivo professionisti su strada. Il campione nato a Zilina nel 1990 ha battuto nello sprint finale il britannico Mark Cavendish e il belga Tom Boonen.

Quarto l'australiano Michael Matthews mentre quinto è arrivato Giacomo Nizzolo, primo degli italiani, che è stato ringraziato dallo stesso Sagan: "È stato sportivo. Se nello sprint finale mi avesse chiuso sulle transenne non avrei mai potuto vincere". L'impresa di trionfare in due mondiali consecutivi era riuscita solo a Paolo Bettini nel 2006 e 2007 e a Gianni Bugno nel 1991 e 1992. 

Il pirata slovacco è il nuovo volto del ciclismo?

Look da pirata (o da rapper per alcuni), sex symbol e giovane fenomeno. Sagan ha tutte le carte in regola per diventare il nuovo volto del ciclismo mondiale, un idolo con l'obiettivo di conquistare nuovi appassionati delle due ruote spazzando via lo spettro del doping, mannaia che negli ultimi anni ha troncato ogni residua credibilità del ciclismo. Tra i suoi tifosi c'è anche Fernando Alonso, pilota di F1 che ha celebrato su Twitter la sua vittoria: 

Il remake di Grease con la moglie Katarina 

Sagan è sposato con la modella Katarina Smolkova e insieme alla compagna ha realizzato un divertante remake della canzone You're the one that I want tratta dal film Grease

La coppia si è sposata un anno fa con un matrimonio a sorpresa a Dolny Kubin in Slovacchia: dopo la cerimonia il campione del mondo 2015-2016 ha fatto il funambolo su una corda sospesa.

I fan di Sagan crescono giorno dopo giorno e c'è già chi è pronto a scommettere che l'immagine del ciclismo possa rinascere grazie a lui, rimasto umile nonostante le vittorie. "Sono stato fortunato. Sono stato l'ultimo ad entrare nel ventaglio dello sprint finale, avevo il gruppo di tifosi più grande di tutti, venuto dalla Slovacchia, e mio fratello ha gareggiato con me" ha commentato dopo il trionfo di Doha. Il talento per le due ruote è infatti caratteristica di famiglia: anche il fratello maggiore Juraj, classe 1988, è un ciclista professionista. 

© Riproduzione Riservata

Commenti