Altri sport

Possibile correre la maratona in meno di 2 ore?

Ieri il keniano Kimetto ha migliorato il primato mondiale, sceso ora a 2:02:57. Fare meglio? Si può: lo assicura l'esperto

Dennis Kimetto

Dario Pelizzari

-

I 26 secondi che passeranno alla storia dell'atletica leggera. Ieri il maratoneta keniano Dennis Kimetto ha battuto il primato del connazionale Wilson Kipsang nella 42 Km di Berlino: 2 ore, 3 minuti e 23 secondi il record di Kipsang; 2 ore, 2 minuti e 57 secondi il nuovo primato di Kimetto. Statistiche alla mano, in 30 anni il limite mondiale è crollato di 5 minuti e 8 secondi: nell'ottobre del 1984 a Chicago, il britannico Steve Jones era riuscito a raggiungere il traguardo in 2:08:05. Di questo passo, è lecito pensare che presto o tardi sarà possibile scendere sotto la soglia delle 2 ore. Già, ma quando?

“Difficile prevederlo – spiega a panorama.it, Giulio Sergio Roi, medico dello sport che nel corso della carriera si è occupato di seguire da vicino l'allenamento degli atleti in alta quota – Impossibile stabilire se e quando sarà possibile correre una 42 km sotto le 2 ore, pure se negli sport di resistenza come la maratona da qualche anno stanno cambiando le metodologie di allenamento. Oggi si lavora di più sulla velocità e sulla potenza, non perdendo naturalmente di vista la capacità di resistenza dell'atleta. Nel corso del mio lavoro, mi sono occupato spesso delle evoluzioni dei record sportivi. Posso dire che su atleti come Kimetto si lavora soltanto da circa 20-25 anni. Per questo, credo ci siano ancora ampi margini per fare meglio”.

Se è vero che è difficile dire quando e come sarà possibile migliorare il record di Kimetto, potrebbe essere un po' più facile indovinare il continente di provenienza dell'atleta che riuscirà nell'impresa.
“Possiamo dire che sarà senza dubbio un atleta che avrà determinate caratteristiche fisiche. Attualmente, gli africani che sono nati in alta quota e che sono stati avviati in tenera età agli sport di resistenza, hanno degli indubbi vantaggi. Sugli altipiani del Kenya ci sono le condizioni ideali per allenarsi, mentre altrove è più difficile. Secondo alcuni miei studi, la prestazione nella maratona dipende prevalentemente dalla massima potenza aerobica. In questo senso, l'esercizio in alta quota crea modelli molto particolari che devono ancora essere approfonditi e compresi completamente”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Si correrà la maratona in due ore?

Dopo il record a Berlino del keniano Kipsang, la domanda sorge spontanea. E Orlando Pizzolato spiega perché la risposta è senz'altro affermativa

Maratona di New York: ho vinto io

La giornalista di Studio Aperto Laura Piva racconta il giorno della gara e il taglio del traguardo che la rende una delle finisher 

Commenti