Altri sport

Italia, tutte le medaglie nella storia delle Olimpiadi invernali

Sono 114 i podi azzurri su neve e ghiaccio prima dei Giochi di PyengChang 2018: il record a Lillehammer '94 (20) e la crisi dopo Torino 2006

Italia medaglie olimpiadi invernali alberto tomba

Giovanni Capuano

-

Sono 114 le medaglie conquistate dall'Italia nella storia dei Giochi invernali fino all'edizione di Sochi 2014. Una lunga storia arricchita da 37 vittorie e alcuni piazzamenti di assoluto livello. Grenoble 1968 e Lillehammer 1994 rappresentano il punto più alto per lo sport invernale azzurro: 4° posto nel medagliere subito alle spalle delle super potenze. 

Le Olimpiadi di Lillehammer del 1994 sono anche l'edizione in cui la spedizione italiana ha fatto maggiore incetta di medaglie: 20. L'ultimo lampo di grandezza si è avuto nel 2006, quando l'Italia ha ospitato i Giochi a Torino ottenendo 11 podi complessivi con 5 ori e 6 bronzi. Da lì in poi è iniziato un declino rapido che ha portato un solo successo (Giuliano Razzoli a sorpresa nello slalom speciale maschile a Vancouver 2010) e due desolanti piazzamenti nel medagliere: 16° in Canada e addirittura 22° a Sochi 2014. Il punto più basso della nostra storia olimpica invernale.

Tutte le medaglie dell'Italia nelle Olimpiadi invernali

Il primo italiano a conquistare una medaglia d'oro in un'Olimpiade invernale è stato Nino Bibbia nello skeleton a Sankt Moritz 1948. La gioia è arrivata alla quinta partecipazione azzurra: un digiuno spezzato dopo 24 anni da Chamonix-Mont-Blanc 1924 e che ha attraversato anche il periodo bellico della Secondo Guerra Mondiale.

L'Italia ha dovuto, però, attendere fino ad Albertville 1992 per riuscire ad andare in doppia cifra (14 podi) inaugurando una piacevole consuetudine proseguita poi fino a Torino 2006 per 5 edizioni consecutive. Ecco, Olimpiade per Olimpiade, tutti i numeri delle spedizioni azzurre:

CHAMONIX-MONT-BLANC 1924 - 0/0/0 Totale 0 (-)

SANKT MORITZ 1928 - 0/0/0 Totale 0 (-)

LAKE PLACID 1932 - 0/0/0 Totale 0 (-)

GARMISCH PARTENKIRCHEN 1936 - 0/0/0 Totale 0 (-)

SANKT MORITZ 1948 - 1/0/0 Totale 1 (10°)

OSLO 1952 - 1/0/1 Totale 2 (7°)

CORTINA D'AMPEZZO 1956 - 1/2/0 Totale 3 (8°)

SQUAW VALLEY 1960 - 0/0/1 Totale 1 (14°)

INNSBRUCK 1964 - 0/1/3 Totale 4 (12°)

GRENOBLE 1968 - 4/0/0 Totale 4 (4°)

SAPPORO 1972 - 2/2/1 Totale 5 (8°)

INNSBRUCK 1976 - 1/2/1 Totale 4 (10°)

LAKE PLACID 1980 - 0/2/0 Totale 2 (13°)

SARAJEVO 1984 - 2/0/0 Totale 2 (10°)

CALGARY 1988 - 2/1/2 Totale 5 (10°)

ALBERTIVILLE 1992 - 4/6/4 Totale 14 (6°)

LILLEHAMMER 1994 - 7/5/8 Totale 20 (4°)

NAGANO 1998 - 2/6/2 Totale 10 (10°)

SALT LAKE CITY 2002 - 4/4/5 Totale 13 (7°)

TORINO 2006 - 5/0/6 Totale 11 (9°)

VANCOUVER 2010 - 1/1/3 Totale 5 (16°)

SOCHI 2014 - 0/2/6 Totale 8 (22°)

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le due sorelle dell'hockey che si sfidano alle Olimpiadi

Ai Giochi sotto bandiere diverse, l'americana Hannah Brandt e la coreana Park Yoon-jung: la prima nata pochi mesi dopo l'adozione della seconda

Corea del Nord: chi è la donna che ha trattato per le Olimpiadi invernali

Ritratto di Hyon Song-wol, colei che da leader del gruppo pop Morabong ha guidato la delegazione nordcoreana per un sopralluogo pre-Olimpiadi

Le bellezze della Corea del Nord alle Olimpiadi invernali

Sono giovani e di bell'aspetto. Sono le cheerleader e le musiciste della band militare che, secondo Kim Jon-un, dovrebbero partecipare ai Giochi

Commenti