Ottavo titolo di fila, ancora un oro europeo a ripetere quella magia che sul trampolino le rende una cosa sola. Tania Cagnotto e Francesca Dallapè anche a Londra, in quella stessa piscina che quattro anni fa ai Giochi lasciò loro più lacrime che sorrisi per quel bronzo perso per soli due punti, si confermano regine del sincro nel Continente: da quando esordirono a Torino nel 2009 le due campionesse, atlete e amiche, non sono mai scese dal gradino più alto del podio.

Allontanate le ansie e le paure si sono aggiudicate l'oro con 327.81 punti, davanti alle britanniche Alicia Blagg e Rebecca Gallantree (319.32) e alle russe Nadezhda Bazhina e Kristina Ilinykh (304.20).

Una marcia regale per una coppia che in Europa non ha rivali e che regala la centesima medaglia d'oro della storia della Federnuoto ai campionati europei.

Per la Cagnotto il regalo più bello, il tris dopo gli ori da uno e tre metri, nel giorno del suo trentunesimo compleanno. L'azzurra centra il ventesimo titolo totale (dodici individuali) di una carriera interminabile che la vede in testa nel ranking europeo con ventinove podi. "E' stato un europeo molto gratificante - racconta Tania - è il mio compleanno e ci siamo fatte un bel regalo. Sia nei tre metri che nel sincro abbiamo fatto importanti test in vista delle olimpiadi. Non era scontato che vincessimo questa medaglia. Abbiamo simulato la gara olimpica e, se andasse così, potremo essere contente a Rio. Sono felice perché ho salutato la mia carriera europea con un suggello importante. Era fondamentale fare questo punteggio perché ora avremo due mesi senza poterci confrontare con le altre coppie che incontreremo ai Giochi. Dovremo esser brave a gestire l'attesa per finalizzare il nostro obiettivo principale. Pensavo di aver raggiunto il mio massimo a 27, 28 anni nel precedente ciclo olimpico. Invece mi sento meglio e ho meno dolori fisici. Mi sto allenando bene ed ho margini di crescita".

Sfoga con il pianto tutta la sua felicità e la tensione la Dallapè: "Tutti si aspettavano che vincessimo e avevamo grande pressione ed abbiamo lavorato tanto per non deludere le attese. Sono stati degli anni bellissimi, io e Tania abbiamo lavorato sempre in armonia. Dovremmo finire il nostro lavoro a Rio ma l'importante sarà non pensarci. Era l'ultimo test veramente importante prima di Rio e tremavo come una foglia. Sono scoppiata in lacrime perché era una settimana che mi volevo sfogare e fortunatamente sono pianti di gioia. Ci siamo abbracciate con Tania e mi sono passate in mente tante soddisfazioni e qualche delusione, poche fortunatamente". (ANSA)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti