Photo Department

-

Sabato 25 aprile, al Madison Square Garden di New York, il campione del mondo dei pesi massimi Wladimir Klitschko ha difeso con successo per la diciottesima volta di fila il proprio titolo (attualmente detiene le corone Wba, Wbo, Ibf e Ibo), battendo ai punti dopo 12 riprese lo sfidante statunitense Bryant Jennings.

Per il pugile ucraino, 39 anni, accolto dal pubblico con grande entusiasmo, era il primo ritorno sul ring negli Stati Uniti dopo la vittoria ottenuta nel 2008 sempre al Garden contro il russo Sultan Ibragimov. Il finora imbattuto Jennings (19-1), trentenne di Philadelphia, non è riuscito a mettere in difficoltà il campione, che lo ha tenuto sempre a distanza di sicurezza nonostante l'allungo maggiore, colpendo con maggior continuità.

Con decisione unanime dei giudici, Wladimir Klitschko ha battuto lo sfidante ai punti (due per 116-111, uno per 118-109). Per il campione si tratta del 64° successo di fila, 54 dei quali prima del limite, contro tre sole sconfitte, l'ultima risalente al 2004. Il gigante ucraino si è detto soddisfatto, sia per il risultato, sia per l'accoglienza: "È stato fantastico tornare a combattere al Madison Square Garden." - ha detto il fuoriclasse, che negli ultimi anni aveva combattuto solo in Europa - "Conto di tornare qui per altri match, con un grande pubblico e una splendida atmosfera". (ANSA)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Torna a Milano la grande boxe

Sul ring del ritrovato Teatro Principe, Luca Giacon combatte per il mondiale Wbc superleggeri e Anita Torti per l'europeo femminile pesi leggeri

Italia Thunder: quando la boxe è passione

Intervista a Raffaele Bergamasco e Vincenzo Mangiacapre, allenatore e capitano del team che disputa le World Series del pugilato dilettanti

Cassandro El Exotico, il wrestler drag queen

L'acclamato campione messicano di Lucha Libre sul ring a Parigi, nelle foto di Ian Langsdon

Boxe: 40 anni fa lo storico Ali-Foreman a Kinshasa

Il 30 ottobre 1974 "The Rumble in the Jungle" fu una delle più epiche sfide del pugilato, consacrata poi nel documentario premio Oscar "Quando eravamo re"

Commenti