Matteo Politanò

-

Un urlo liberatorio, l'ovazione della famiglia e degli amici di una vita, la gioia infinita. La notte da sogno di Bebe Vio, star della scherma paralimpica italiana, si è realizzata all'Hilton Rome Airport di Fiumicino, teatro della finale mondiale nel fioretto individuale categoria B.

Bebe, già oro alle Olimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016, ha battuto in finale la russa Viktoria Boykova con il punteggio di 15-3 conquistando così il suo secondo oro mondiale dopo quell in Ungheria del 2015. Nei quarti la Vio aveva eliminato la georgiana Irma Khetsuriani con il risultato di 15-5 e in semifinale la russa Irina Mishurova per 15-1.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Olimpiadi: le più importanti medaglie tolte per doping

La squadra della staffetta di Usain Bolt è solo l'ultima di una lunga lista: ecco i trionfi olimpici revocati nella storia dello sport

Laureus Awards, Bebe Vio premiata (da Del Piero) come atleta dell'anno

L'azzurra che ha vinto la medaglia d'oro paralimpica a Rio vince anche il prestigioso premio sportivo insieme a Usain Bolt e Michael Phelps

Commenti