sebastian-coe
Altri sport

Atletica, Coe batte Bubka: è un lord il nuovo presidente della Iaaf

Responsabile del comitato organizzatore di Londra 2012, ha vinto quattro medaglie olimpiche. Riuscirà a risolvere il problema del doping?

"Tocco l'apice della mia vita: questo è il mio sport e la mia vita". Lo ha detto Sebastian Coe, neoeletto presidente della Iaaf (Associazione Internazionale delle Federazioni di Atletica Leggera), nella prima conferenza stampa dopo il voto che lo ha visto prevalere su Sergei Bubka. "Lo ringrazio per questa campagna elettorale che ha dato modo al nostro sport di prendere fiato e pensare a come rinnovarsi", ha aggiunto uno dei più grandi mezzofondisti britannici di sempre, che sale sul gradino più alto dell'atletica internazionale nel bel mezzo di una delle più violente tempeste legate al doping degli ultimi anni. L'ultimo caso, quello dell'atleta turca Cakir Alptekin, cui è stato disconosciuto l'oro nei 1500 ai Giochi di Londra. 

 

In carriera, Coe ha vinto l'oro nei 1500 metri sia alle Olimpiadi di Mosca del 1980 sia in quelle di Los Angeles del 1984 e 2 medaglie d'argento negli 800 (Mosca 1980 e Los Angeles 1984). Ai Campionati Europei è stato medaglia di bronzo negli 800 metri a Praga 1978 e a Atene 1982, mentre a Stoccarda 1986 ha vinto l'oro negli 800 e l'argento nei 1500. Nel 1981 stabilì allo stadio Artemio Franchi di Firenze il primato mondiale degli 800 metri all'aperto. Il record resistette 16 anni. Coe, "lord" dal 2000 e membro della Iaaf dal 2003, è stato presidente del comitato organizzatore di Londra 2012.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti