Altri sport

Commissione ministeriale anti-doping: si dimette il prof. Pigozzi

"Sono venuti meno i presupposti per lavorare", ha affermato il luminare, presidente della Federazione internazionale di medicina sportiva

fabio pigozzi

Redazione

-

Dimissioni che suonano come un accusa, quelle del professor Fabio Pigozzi dalla Commissione per la vigilanza e il controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive del Ministero della Salute: "Avevo accettato di entrare a far parte di questo gruppo di lavoro convinto che si potesse portare avanti un'azione di alto profilo nella lotta al doping. Nelle ultime settimane sono venuti a mancare per me i presupposti di questo lavoro e ho ritenuto inevitabile lasciare un incarico che rischiava di perdere qualsiasi sostanza", ha affermato infatti il luminare, che è anche presidente della Federazione internazionale di medicina sportiva e membro del Foundation Board dell'agenzia mondiale antidoping (Wada) così come della Commissione medica del Cio (Comitato olimpico internazionale). 

Insediatasi quattro mesi fa, la Commissione ha tra i suoi compiti anche i controlli nello sport amatoriale, ma l'atto di intesa ministero-Coni che disciplinava questo di tipo di attività è scaduto senza che siano stati rinnovati i termini dell'attività di controllo: fattore, questo, che avrebbe inciso in maniera determinante sulla decisione del professor Pigozzi di rassegnare le dimissioni.

© Riproduzione Riservata

Commenti