Le due strade di Galliani: Lega Calcio o politica?
Le due strade di Galliani: Lega Calcio o politica?
Sport

Le due strade di Galliani: Lega Calcio o politica?

Il futuro dell'ad rossonero è più incerto che mai: Berlusconi lo vorrebbe in Forza Italia ma esiste anche la possibilità di un ruolo in Fininvest

Dopo ventisette anni di passione e trionfi sta volgendo al crepuscolo l'avventura di Adriano Galliani al Milan. La dead-line per l'amministratore delegato rossonero è ad aprile, allorquando ci sarà l'assemblea dei soci del club che investirà Barbara Berlusconi del ruolo di plenipotenziaria della società. Al di là delle voci circolanti non ci sono stati contatti concreti fra altri club e l'ex presidente della Lega Calcio. Proprio in via Rosellini in molti pensavano potesse esserci l'approdo più naturale dell'uomo-mercato milanista. Tutto ciò facendo i conti senza l'oste: infatti in Lega anche per il presidente i salari sono decisamente bassi rispetto alle cariche attualmente occupate da Galliani.

Una brusca chiusura dei rapporti con il Diavolo costerebbe a Casa Milan una buonuscita da quasi trenta milioni di euro. Troppi anche per la famiglia Berlusconi, che eventualmente preferirebbe destinare tale cifra per la ricostruzione di un grande Milan. All'interno del proprio partito politico il Cavaliere deve destreggiarsi fra diverse correnti interne e conflittuali fra loro: per questo servirebbe un uomo di fiducia esperto e navigato nelle mediazioni, affinché in Forza Italia possa tornare il sereno. Un gestore delle risorse, una sorta di allenatore: figura individuata proprio in Adriano Galliani. Un coordinatore di partito che dovrà far convivere le diverse anime alberganti nel partito (falchetti e colombe, Santanchè, Alfano e Verdini ndr).

Per l'attuale vicepresidente vicario rossonero anche una poltrona significativa in caso di nuove elezioni. Un'intesa impostata nella giornata di mercoledì telefonicamente fra Silvio Berlusconi e il suo braccio destro e della quale è stato messo, immediatamente, al corrente anche Angelino Alfano. Una nuova carriera per Galliani, che in alternativa poteva ritagliarsi un ruolo manageriale in Fininvest alla corte di Marina Berlusconi. Opportunità che, però, non solletica particolarmente il dirigente, che così nella ventura primavera è pronto ad una nuova grande avventura. Dalle battaglie in Lega Calcio a quelle a Montecitorio: riuscirà ad imporsi anche con le alte sfere politiche?

Ti potrebbe piacere anche

I più letti