L'analisi delle regate di venerdì 19 Aprile

Spettacolo a Napoli, con tanto di scontro tra Luna Rossa ed Emirates Team New Zealand

Un'immagine dall'elicottero della regata di flotta di oggi (Credits: ANSA/CESARE ABBATE)

Damiano Iovino

-

Pomeriggio ricco di emozioni a Napoli per la seconda giornata delle America’s Cup World Series: un uomo è caduto a mare dopo una collisione tra Luna Rossa Swordifish timonata da Checco Bruni e Emirates team New Zealand. Tutti hanno pensato che fosse l’ex campione di nuoto Massimiliano Rosolino, imbarcato su Luna Rossa come passeggero, ma più tardi sé appreso che si trattava di un uomo del team italiano, scelto al posto del nuotatore perché c’era poco vento e lui pesava di meno. Peraltro poi Rosolino è salito su Luna Rossa Swordfish nella seconda regata di flotta.

Nella collisione la barca italiana, che poi ha vinto la regata, ha danneggiato la prua, mentre i neozelandesi hanno danneggiato lo scafo sinistro: al momento dell’impatto erano in vantaggio, ma i giudici li hanno penalizzati e così gli italiani sono riusciti a superarli e ad accedere alle semifinali in programma domani.

Nell’altro match race in programma, Oracle ha battuto senza difficoltà HS Racing.

Quella di Bruni non è stata la sola collisione della giornata: il giovane skipper di Artemis, lo svedese Charlie Ekberg, nella seconda regata di flotta, mentre stava girando attorno a una delle barche che fanno da boa sul lato di bolina, non ha controllato la sua barca che si è alzata su una degli scafi e ha urtato con violenza la prua della barca boa. Il tonfo si è udito chiaramente dagli yacht degli spettatori, tra i quali quello della Moet & Chandon, lo champagne ufficiale della Coppa America.

Niente di grave, nessun ferito, solo un po’ di emozione in più. Nella stessa seconda regata Checco Bruni è stato costretto al ritiro per un problema tecnico.

Il vento variabile ha impegnato molto i timonieri: nella prima regata si è imposto Tom Slingsby di Oracle, seguito da Artemis e da Luna Rossa Swordfish, nella seconda i francesi di Artemis sono giunti primi davanti a Oracle con neozelandesi al terzo posto.

La classifica vede ora in testa Oracle, con 38 punti, seguita da Energy (36) alla pari con Emirates Team New Zealand (36), J.P. Morgan BAR (35), Luna Rossa Piranha (33), Luna Rossa Swordfish (23), Artemis (21, HS racing (17) e China Team 14.

© Riproduzione Riservata

Commenti