Inter: i dettagli dell'accordo Thohir-Moratti

Perché Moratti vende, perché Thohir compra; come sarà la sua Inter ed il suo mercato (con 50 milioni di euro)- Thohir: "Non voglio imporre nomi" - Chi è Erick Thohir?  - Il sondaggio  - Foto: tutti i presidenti dell'Inter  - il mercato dell'Inter -

Il passato ed il futuro dell'Inter, Moratti e Thohir (Credits: Ansa)

Nicolò Schira

-

L'arrivo di Erick Thohir ha mandato i fibrillazione i media nazionali e i tifosi interisti. Il magnate indonesiano è pronto all'affondo decisivo per  acquistare il club nerazzurro. Un'operazione che, però, non verrà chiusa e formalizzata entro il fine settimana.

I tempi tecnici e burocratici non lo consentono, ma l'azionista dei Detroit Pistons è pronto a mettere sul tavolo ben 346 milioni di euro per accaparrarsi l'Inter. Un investimento calcolato quello del tycoon asiatico che verrà eseguito in fidejussioni bancarie dilazionate in 3 anni.

Proprio nel continente da dove proviene Thohir il brand nerazzurro è fortissimo e permetterebbe parecchie operazioni di ordine commerciale legate al merchandising. Un Thohir che alloggia al Four Season a Milano: una suite presidenziale dotata di tutti i confort per colui che si appresta a diventare il nuovo patron dell'Inter.

Dopo gli americani a Roma, un indonesiano a Milano. Sembra il titolo di una pellicola cinematografica e qualche tifoso nutre preoccupazione. Thohir, infatti, non sarà un mecenate all'Abramovich prima maniera del Chelsea, in cui furono spesi circa mille milioni di Euro per dare l'assalto alla Champions League.

Il magnate di Jakarta è pronto a ripianere, con circa 100 milioni, il passivo di bilancio della società di Corso Vittorio Emanuele; mentre sul mercato attuale non verranno spesi più di cinquanta milioni. Niente spese folli. Difficile l'avvento, almeno momentaneo, di fuoriclasse come Messi o Cristiano Ronaldo. Quelli rimangono nell'orbita degli Sceicchi.

Si punta invece ad un Inter modello Bayern Monaco o Arsenal: investimenti importanti, ma con un occhio di riguardo al bilancio. Per questo si cercherà di allargare gli orizzonti commerciali della formazione nerazzurra, in modo da poter aumentare le risorse da destinare al mercato.

Il pallino di Thohir si chiama Radja Nainggolan, centrocampista belga ma di origine indonesiana del Cagliari. Sarebbe il testimonial perfetto della nuova
Inter. Un Inter vista come una grande operazione commerciale e non come un gioiello di famiglia com'era per Massimo Moratti.

Per questo il presidente e la consorte Milly Moratti hanno sempre temporeggiato dinanzi a una possibile cessione totale delle quote del club. La crisi economica che ha investito il nostro paese e colpito di riflesso anche la Saras hanno indotto la famiglia Moratti a vagliare con attenzione tale ipotesi. Gli ultimi esercizi dell'azienda petrolifera hanno costretto a rivedere i piani e così Moratti perderà la maggioranza delle quote: a Thohir circa il 75,67% dell'Inter.

Massimo Moratti conserverà un 22,63% e la carica di presidente onorario. Il pranzo di ieri all'Armani Cafè in zona Montenapoleone a Milano ha sancito questo accordo: la compagine nerazzurra si conferma Internazionale di nome e di fatto, dato che avrà un patron indonesiano. La nuova frontiera del calcio è pronta ad investire anche la Madunina sponda interista...

© Riproduzione Riservata

Commenti