31a serie A, top e flop: Pellissier fa 91, Iturbe delusione senza fine
Getty Images
31a serie A, top e flop: Pellissier fa 91, Iturbe delusione senza fine
Sport

31a serie A, top e flop: Pellissier fa 91, Iturbe delusione senza fine

La Fiorentina paga la giornata no di Neto, Mandragora fa arrabbiare Gasperini. Ecco i migliori e peggiori del turno

In attesa del posticipo di lunedì tra Fiorentina e Verona la 31a giornata di serie A vede lo stop della Lazio che cade allo Juventus Stadium per 2-0. Vince la noia nel derby di San Siro con Inter e Milan che terminano a reti bianche e restano lontane dall'Europa. La Roma non va oltre l'1-1 in casa contro l'Atalanta mentre il Napoli torna a credere nella Champions vincendo per 3-0 a Cagliari. Si ferma la Sampdoria che viene stoppata sullo 0-0 dal Cesena mentre il Palermo supera 2-1 il Genoa. In zona salvezza il Parma continua a onorare il campionato pareggiando per 2-2 a Empoli. Chi sono stati i migliori e peggiori del turno? Per scoprirlo continua a cliccare...

Top - Josè Callejon (Napoli)

Lo spagnolo sembra finalmente essere tornato quello della scorsa stagione. Nella vittoria azzurra a Cagliari va ancora in gol e fa impazzire la difesa sarda. Nella rincorsa Champions può essere l'uomo determinante di Benitez, ma tutto il Napoli sembra essersi finalmente scrollato di dosso il torpore visto troppo a lungo in questa stagione. 

Flop - Rolando Mandragora (Genoa)

Il classe 1997 fa letteralmente infuriare Giampiero Gasperini che nei primi 45 minuti è costretto a richiamarlo più volte. Sempre fuori posizione costringe il tecnico rossoblù a cambiarlo a fine primo tempo. Sembra ancora troppo acerbo per giocare in serie A, al suo posto entra Laxalt ma la partita è già compromessa.

Top - Sergio Pellissier (Chievo Verona)

L'attaccante clivense segna il suo gol numero 91 in serie A e la seconda rete in sette giorni dopo il gol decisivo a Cesena. Anche in questa stagione la squadra di Campedelli è riuscita a guadagnarsi un posto per la serie A del prossimo anno, chissà che la quota 100 non diventi realtà nel campionato 2015/2016. 

Flop - Neto (Fiorentina)

I viola non approfittano del passo falso della Sampdoria e cadono in casa contro il Verona. Il portiere brasiliano, decisivo da quando è tornato tra i pali, respinge la conclusione di Lazaros troppo centralmente consentendo a Obbadi di segnare il gol partita. Un errore troppo grave che risulta anche decisivo per il risultato finale.

Top - Ivajlo Chochev (Palermo)

Il migliore in campo dei rosanero è nuovamente il bulgaro che segna la sua prima doppietta in serie A confermando l'intuito di Zamparini per i giovani talenti. 22 anni, pagato 2 milioni di euro la scorsa estate dal Cska Sofia si sta guadagnando le attenzioni dei grandi club. 

Flop - Juan Manuel Iturbe (Roma)

Emblema della fallimentare delusione giallorossa. Il più grande investimento dell'era Pallotta delude per l'ennesima volta: sbaglia i passaggi, non salta mai l'uomo, non permette alla Roma di ingranare marcia. Il trio con Ibarbo e Doumbia parla di un investimento da 50 milioni per un solo gol in campionato, numeri davvero impietosi. 

Top - Leonardo Bonucci (Juventus)

Quarto gol stagionale, terzo in campionato, ed ennesima prestazione impeccabile. Dietro non sbaglia nulla e contribuisce in modo determinante alla nuova vittoria bianconera contro una Lazio che nella utlime giornate è sembrata inarrestabile. Cardine nella Juve di Conte non è calato di rendimento neanche con Allegri e il finale di stagione può ancora regalare gioie su tutti i fronti. 

Flop - Mauricio (Lazio)

I biancocelesti interrompono il filotto di vittorie consecutive contro i campioni d'Italia. Il centrale vive una delle sue giornate peggiori tenendo in gioco Tevez in occasione del vantaggio bianconero. Senza De Vrij al suo fianco sembra aver perso i punti di riferimento e l'intervento nella ripresa su Morata non basta per raggiungere la sufficienza. 

Top - Ishak Belfodil (Parma)

Gli emiliani continuano ad onorare il campionato e l'ex punta nerazzurra torna al gol dopo un digiuno che durava addirittura dal maggio 2013. Entra nella ripresa e mette in rete dopo un pallone calciato sulla traversa da Coda. L'epilogo per la stagione gialloblù è già conosciuto ma la squadra di Donadoni sta guadagnano ogni settimana sempre più stima dal mondo del calcio. 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti