30a giornata- Rizzoli moviola disastro, quanti errori nel derby di Torino
Ansa
30a giornata- Rizzoli moviola disastro, quanti errori nel derby di Torino
Sport

30a giornata- Rizzoli moviola disastro, quanti errori nel derby di Torino

Ventura furioso a ragione in una giornata in cui sbagliano anche Orsato, Tagliavento e Valeri

Un autentico disastro dal quale non si è salvato quasi nessuno. La 30° giornata è stata pesantemente condizionata dagli errori arbitrali con sul banco degli imputati soprattutto i big, quelli che per Messina dovrebbero rappresentare una garanzia. Malissimo Rizzoli nel derby di Torino, male Orsato all'Olimpico per lo spareggio Champions tra Roma e Inter, bocciati Tagliavento e Valeri che erano stati chiamati a fischiare le partite di Milan e Fiorentina.

Un crollo verticale che si spera sia solo frutto del caso e di un po' di affaticamento che colpisce anche i direttori di gara. Rizzoli e Orsato, ad esempio, eranop reduci dall'impegno in Europa League del giovedì sera e sono stati rimandati in campo subito perchè considerati una garanzia. Scelta comprensibile, ma che on ha pagato. Ora la sosta prima della volata finale per scudetto, zona Europa e salvezza.

Torino-Juventus: gli errori di Rizzoli

Il fallo da rigore commesso da Alex Sandro su Bruno Peres Ansa

Rizzoli prende 4 in quasi tutte le pagelle del giorno dopo. Colpa di una direzione fortemente deficitaria nel derby della Mole: errori che scontentano soprattutto il Torino. Andiamo con ordine, dicendo che le moviole sono abbastanza concordi nel giudicare gli episodi. Si comincia con la rete del 2-2 annullata a Maxi Lopez per un fuorigioco che non c'è perchè l'attaccante è in perfetta linea con Cuadrado e Tonolini (assistente internazionale) dovrebbe accorgersene perché allineato al momento del passaggio filtrante.

Pochi minuti prima c'era stato il rigore per il Torino, concesso per un fallo di Alex Sandro su Bruno Peres: pallone sfiorato, ma la velocità del bianconero che poi lo travolge rende ingiocabile il prosieguo dell'azione. Giusto concedere il penalty, manca il giallo e sarebbe stata espulsione per lo juventino. In precedenza era stata risparmiata l'ammonizione anche a Bonucci che poi, dopo averlo preso per proteste (eccessivo il testa a testa con Rizzoli) in occasione del rigore viene ulteriormente graziato malgrado un'entrata in ritardo su Maxi Lopez.

Nel finale manca un rosso a Glik per fallo su Alex Sandro, mentre esce Khedira che dice qualcosa di troppo al direttore di gara e viene espulso con cartellino diretto. La Juve reclama un rigore per intervento di Gaston Silva su Cuadrado, ma la sensazione è che il granata colpisca prima il pallone e poi il piede dell'avversario.

LA DOMENICA NERA DI RIZZOLI E LA VOLATA SCUDETTO CHE NON MERITA VELENI

Roma-Inter, manca un rigore per i giallorossi

Sbaglia anche Orsato che era stato mandato all'Olimpico per lo spareggio da terzo posto tra Roma e Inter. Gara bloccata e sostanzialmente corretta, che vede un episodio da moviola pescato dalle telecamere e sfuggito alla vista di arbitro e assistenti. Sull'1-0 per l'Inter che un fallo di mano di Miranda che salta in maniera scomposta per ostacolare il colpo di testa di Dzeko: pallone sul pugno del difensore che corregge e smorza la traiettoria della conclusione verso Handanovic rendendola innocua. Sarebbe stato penalty.

Milan-Lazio, Tagliavento dimentica i rigori

Ci sono due episodi da moviola nella sfida di San Siro tra Milan e Lazio. Manca certamente un rigore per i rossoneri perché il tocco a gamba alta di Parolo su Montolivo era dentro l'area e non al limite: Tagliavento concede la punizione al posto del penalty e sbaglia. Nel finale Zapata tocca con il braccio mentre è in contarsto con Djordjevic e l'arbitro lascia correre: le moviole si dividono, ma per la maggioranza era da fischiare.

Frosinone-Fiorentina: mancano due rigori

Male anche Valeri al Matusa. Mancano due rigori, uno per parte. Comincia il Frosinone con lo sgambetto di Gonzalo Rodriguez su Daniel Ciofani e chiude Blanchard che rifila una manata a Kalinic mentre il pallone è molto lontano. In entrambi i casi nessuno aiuta l'arbitro a non sbagliare anxche i falli sono abbastanza evidenti: cattiva collaborazione all'interno del sestetto di direttori di gara.

Le altre partite della giornata

Sufficiente la direzione di Gervasoni in Napoli-Genoa dove Gasperini contesta il 2-1 di Higuain per un presunto fallo di Koulibaly nella partenza dell'azione: la tendenza è a non fischiare questi contatti robusti. Male Giacomelli in Atalanta-Bologna: da annullare il 2-0 dei bergamaschi per un fallo di Pinilla. Da annullare anche il vantaggio dell'Udinese sul Sassuolo perchè c'è un fallo di Armero su Politano nell'azione che porta alla rete.

La classifica sintesi delle moviole dei quotidiani italiani

Ecco comunque come Panorama.it ricostruisce la classifica oggi senza gli errori arbitrali. Vale la tradizionale avvertenza che il parametro preso in considerazione sono le decisioni che avrebbero potuto cambiare concretamente il risultato (rigori non assegnati o che non c'erano, reti annullate o concesse per errore) e che la graduatoria fa riferimento alle moviole dei quotidiani sportivi italiani esprimendo non un valore oggettivo ma una tendenza.

La classifica senza errori arbitrali dopo la 30° giornata

Squadra

Punti

Differenza con la reale

Napoli

70

+3

Juventus

67

-3

Roma

62

+2

Inter

56

+1

Fiorentina

56

+1

Milan

53

+4

Lazio

46

+4

Sassuolo

45

=

Bologna

36

=

Torino

36

+3

Empoli

36

=

Chievo

36

-2

Udinese

33

+2

Genoa

32

-2

Palermo

31

+3

Atalanta

31

-2

Sampdoria

29

-3

Frosinone

28

+1

Carpi

26

-2

Verona

17

-2

Ti potrebbe piacere anche

I più letti