21-27 gennaio: le bomberate della settimana
Chiamarsi Bomber
21-27 gennaio: le bomberate della settimana
Sport

21-27 gennaio: le bomberate della settimana

La marcatura a luci rosse di John Terry, l'amarcord sentimentale di Pozzecco e, soprattutto, i tormenti del giovane Osvaldo...

Bomberata n°5: la marcatura hard di Terry

Stanco di uscire con le fidanzate dei suoi compagni di squadra e dopo aver broccolato tutte le donne d'Inghilterra, il prode Terry ha deciso di esplorare altre dimensioni della sua sessualità: ecco così il povero Sterling finire vittima di avances decisamente spinte in Chelsea-Manchester United, come dimostra la prova Tv qui sopra.

Bomberata n°4: l'amarcord di Pozzecco

Twitter

Quando una bomberata arriva dal basket, al 90% potete essere certi che ci sia di mezzo Bomber Pozzecco. Il suo tweet è come la Primavera di Botticelli o il gol di Grosso alla Germania: non ha bisogno di commenti. Pura estasi.

Bomberata n°3: la sportività di Maxi Lopez

Il "Galina Loca" si è presentato allo scontro con l'Inter pettinato in una maniera raccapricciante. Il suo terzo posto nella nostra classifica settimanale, però, non è dovuto al look: Maxi Lopez merita un premio bomberone per la sua elegante e rispettosa esultanza a fine gara per la vittoria del Toro all'ultimo minuto. Roba da corso di galateo in dieci serate.

Bomberata n°2: l'incursione d'Er Vichingo

Chiamarsi Bomber

Questo anonimo bomberone è comparso per un attimo in una trasmissione TV. Non sappiamo nulla di lui, se non che è un tifoso iper-sfegatato della Lazio. Alcune indiscrezioni lo vogliono anche esperto di poesia duecentesca siciliana e amante di Strauss, oltre che dotato di una spiccata raffinatezza conviviale. Al momento sono però solo indiscrezioni...

Bomberata n°1: la fuga di Osvaldo

Chiamarsi Bomber

In settimana il bomberone è sparito per 48 ore senza lasciare notizie. Tra i più preoccupati in casa Inter il suo compagno di reparto Mauro Icardi: "Ci tenevo a dirgli che, se torna, vorrei facesse da padrino a mia figlia", le commoventi parole dell'argentino. 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti