12-18 novembre: le bomberate della settimana
Chiamarsi Bomber
12-18 novembre: le bomberate della settimana
Sport

12-18 novembre: le bomberate della settimana

Non conoscete bomber Edmundsson? Ranieri invece lo conosce benissimo... Tutto il meglio e il peggio del calcio nei giorni delle nazionali

Bomberata n°5: il poker di Ranieri

Ansa

Dopo quattro partite termina l’avventura in terra ellenica dell’ex tecnico del Monaco. Ruolino di marcia infallibile di Sir Claudio, che racimola la bellezza di un punto nelle sfide con Finlandia (l’unico pari), Romania, Irlanda del Nord e le temibilissime Isole Far Oer. Il presidente della Federazione pare abbia commentato: “Mi assumo la piena responsabilità per la scelta infelice del tecnico, che ha portato una figura pessima alla nazionale davanti ai tifosi greci”. Caro Claudio, consolati: quelli là trovavano difetti pure a Zeus…

Bomberata n°4: il sogno di Zenga

Walter Zenga in panchina, 2014 Ansa

“Hanno scelto Mancini… ero lì in corsa… il mio sogno vicino… peccato, forse in un’altra vita”. Questa settimana decidiamo di premiare l’ottimismo e la voglia di vivere di Zenga, che farebbe invidia pure al famoso “Gianni”. Certo la storia di Walterone è singolare: si è proposto millemila miliardi di volte sulla panchina della Beneamata ma gli hanno preferito persino finti allenatori (Leonardo) ed ex-allenatori di ragazzini (Stramaccioni). Stavolta piuttosto che affidarsi a lui, Thohir ha deciso di rimetterci un bel po’ di "danè" (ormai il presidente nerazzurro è ferrato anche in milanese stretto) e richiamare Mancini e il suo staff di 300 persone. Forse, Walterone, il segreto per sedersi su quella panchina è lo stesso che vale per le donne: non devi desiderarla troppo... D’ora in poi immagina che l’Inter sia Varriale, e vedrai che presto ti ritroverai ad allenare Kuzmanovic!

Bomberata n°3: il goal di bomber Edmundsson

Chiamarsi Bomber

Due vittorie e due pareggi. Malta fa 1-1 con la Bulgaria. Il Liechtenstein trionfa in trasferta 1-0 con la Moldavia grazie a una magistrale punizione di tale Franz Burgmeier del Vaduz. San Marino pareggia 0-0 con l'Estonia e guadagna un punto leggendario. La vera impresa da bomberoni, però, è quella della Fær Øer: i pastori del remoto Nord guidati dal capomastro Fróði Benjaminsen sono riusciti dove i Persiani avevano fallito per ben due volte: battere la Grecia in casa loro. La rete fatale porta la firma di bomber Jóan Simun Edmundsson, sconosciuto classe '92, che in esclusiva a Eurosport Italia ha dichiarato il suo stupore per la rete segnata: "Quando ho visto quel pallone insaccarsi e l'arbitro fischiare ho chiesto al guardialinee che cosa significasse".

Bomberata n°2: il canto di Llorente

Video Mediaset

Rammaricato per l'esclusione di Del Bosque in nazionale, al posto di sbattere fans come polipi sugli scogli il "fico" navarro di Pamplona, al secolo Fernando Llorente, ha deciso di cimentarsi in un duetto canoro durante la trasmissione spagnola El Hormiguero 3.0. Il bomberone dalla Juventus, con la leggiadria di un paracarro e un vocione da pornoattore consumato, ha cantato "Ma che idea" in duetto con il Miguel Bosè dei poveri della TV spagnola. Prestazione da vero bomber, che potete vedere cliccando qui.

Bomberata n°1: i tifosi di Chiamarsi Bomber

Chiamarsi Bomber

Certo, sono dei raccomandati. Ma come non premiare questi nostri fan che prima di Italia-Croazia, e i razzi sparati sparato dai lords croati, hanno pensato bene di dedicarci uno striscione con tanto di foto ricordo? Grazie Bomberoni, che Bobo Vieri vegli sempre su di voi.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti