L'uomo moderno? Ama lo shopping e snobba gli strip club

Lo dice un sondaggio condotto da Esquire, che sfata alcuni luoghi comuni sull'universo maschile

uomo-moderno-shopping

– Credits: Thinkstock

Davide Decaroli

-

Una ricerca condotta dal magazine Esquire rivela che l'uomo del ventunesimo secolo va pazzo per lo shopping, non è patito di spogliarelli e se ha meno di 44 anni ha fatto sexting almeno una volta nella vita.

L'indagine, che verrà pubblicata sul prossimo numero cartaceo della rivista, getta uno sguardo sul comportamento del maschio moderno, sfatando alcuni miti ben radicati nell'immaginario comune. Per esempio: l'uomo non è più restio a esternare i propri sentimenti, ma al contrario dispensa le magiche paroline "ti amo" con generosa frequenza. Allo stesso modo piagere non è più considerata una manifestazione di debolezza. Lo dimostra il fatto che diversi soggetti hanno confessato senza remore di aver versato qualche lacrima nei mesi precedenti all'intervista.

In tema di grooming, poi, emerge un uso piuttosto regolare di articoli una volta relegati all'universo femminile, tipo creme idratanti e prodotti per la toelettatura vari. Viceversa sono davvero pochi coloro che nascondono il fiorire dei primi capelli bianchi con tinture posticce – a riprova che George Clooney e la sua chioma brizzolata hanno fatto scuola.

Ma come dobbiamo interpretare queste informazioni? Secondo Richard Dorment, senior editor di Esquire: "In svariati uomini persiste il dubbio strisciante che quello che dicono o fanno non corrisponda pienamente ai normali canoni della virilità, partendo dai loro interessi per le auto, fino ad arrivare ai gusti in fatto di musica o cinema".

Il concetto di mascolinità, però, è diventato più elastico e flessibile, anche perché con il sopraggiungere della maturità pare diminuire la necessità di conformarsi a certi stereotipi imposti dalla società. "Ci sono alcune cose riguardanti l'idea di virilità che non sono particolarmente mutate rispetto al passato, come ad esempio l'enfasi sullo sport, sia quello praticato, sia quello vissuto da spettatore". Ma allo stesso tempo, dice Dorment, svariati comportamenti, come appunto fare compere o cucinare per i propri amici, invece che andare a sollazzarsi in uno strip club, "stanno diventando sempre più mainstream", allargando la definizione odierna di ciò "è normale per qualsiasi uomo".

© Riproduzione Riservata

Commenti