Cosa fare quando incontri i genitori di lei

Ti presento i miei: 7 regole per evitare figuracce (soprattutto con suo padre)

uomo-ti-presento-i-miei-ben-stiller-robert-de-niro

Robert De Niro e Ben Stiller in una scena del film Ti presento i miei – Credits: PHILLIP V. CARUSO/SMPSP / ANSA / PAL

Chiunque abbia confidenza con le gag demenziali del film Ti presento i miei, sa che dietro i disperati tentativi di Greg Fotter (interpretato da Ben Stiller) di piacere al futuro suocero Jack Byrnes (Robert De Niro) si cela un'inappellabile verità: fare conoscenza con i genitori della tua ragazza può essere snervante come un colloquio di lavoro.

Sebbene la mamma non sia mai da sottovalutare, lo snodo cruciale è superare la diffidenza paterna. In queste situazioni anche il papà più docile tende ad avere un occhio ipercritico: deve assicurarsi che la sua "bambina" non sia finita nelle mani di un perfetto idiota. Ma tranquillo, se eviti sfondoni, il futuro è in discesa. Ecco quindi qualche dritta per passere indenne lo scoglio del primo incontro.

Prendi appunti
Suo padre ci sente poco da un orecchio? Sua madre è allergica al cioccolato? Memorizza le informazioni utili, in modo da arrivare preparato al confronto. E ridurre i rischi di commettere gaffe.

Qua la mano
Dispensa strette di mano in modo cordiale e deciso, evitando l'effetto "mollusco" che ti farà apparire fin dal principio privo di midollo. Qualche mamma particolarmente affettuosa potrebbe anche lasciarsi andare a un abbraccio: niente paura, non tirarti indietro.

Toccare, ma non troppo
Sentiti libero di essere affettuoso con la tua fidanzata, perché le premure ti faranno guadagnare punti. Ma non esagerare: bene tenerle la mano, male simulare la carta moschicida.

Più socievole, meno social
Per qualche ora lascia perdere Facebook, Twitter e Instagram ed evita di isolarti sullo smartphone. Se la timidezza ti strozza le parole in gola, dimostra di apprezzare comunque la conversazione, tenendo lo sguardo alto ed elargendo cenni di approvazione. Come inizio può bastare.

Parole, parole, parole 
Per sfuggire al fuoco incrociato delle domande scomode, anticipa tutti parlando dei tuoi interessi e dei tuoi hobby. Coinvolgi la tua compagna, raccontando quello che vi piace fare insieme. Mantieni la chiacchierata su terreni sicuri e metti da parte il tuo lato piagnucoloso. Tipo: se odi il tuo capo, non è il giorno giusto per diffonderlo ai quattro venti.

Le buone maniere
Sei ospite a cena? Alcune regole base: porta i pasticcini, chiedi se c'è bisogno di aiuto per apparecchiare la tavola, non fare lo schizzinoso mentre si mangia e soprattutto bevi con moderazione. Anche se reggi bene l'alcol, ogni bicchiere di vino passerà sotto i raggi X.

E se fallisci…
Prendila con filosofia. Puoi sceglierti la ragazza, non i suoi genitori.

© Riproduzione Riservata

Commenti