Ragazzi "incinti" contro le gravidanze delle adolescenti

La campagna choc arriva da Chicago e punta a sensibilizzare anche i maschi su un tema che non riguarda solo le ragazze

La campagna choc del Dipartimento per la Salute Pubblica di Chicago (Credits: Facebook)

Barbara Pepi

-

Per essere un figlio bisogna essere in due. C'è questo elementare sillogismo alla base della campagna pubblicitaria choc che sta sconvolgendo Chicago. La città è invasa da enormi cartelloni pubblicitari con ragazzi tra i 15 e i 25 anni visibilmente "incinti". La campagna promossa dal Dipartimento della Salute Pubblica punta a sensibilizzare anche i ragazzi sul problema delle gravidanze - sempre più diffuse - tra le adolescenti. Il cartellone recita: "Ci sono tantissime teen agers incinte. Evita le gravidanze indesiderate e le malattie a trasmissione sessuale. Usa il preservativo. O aspetta."

Con questa campagna si cerca, finalmente, di coinvolgere anche i ragazzi nella sensibilizzazione sul tema. Fino ad ora era come se il fatto di essere rimaste incinta fosse solo "colpa" di giovinette incoscienti che hanno trovato con il lanternino il ragazzo sbagliato.

E' invece fondamentale, spiegano dal Dipartimento, far capire anche ai maschi che evitare una gravidanza indesiderata è un atto che deve nascere da entrambi i partners e che è fondamente che anche i ragazzi se ne sentano coinvolti.

L'immagine forte di ragazzini col pancione e lo sguardo triste punta a scuotere le coscienze e a coinvolgere anche le famiglie in una sorta di formazione sessuale dei propri figli troppo spesso lasciati allo sbando quando si tratta di sesso. Oltre ai cartelloni pubblicitari, posti nelle zone limitrofe alle scuole e nei quartieri frequentati dai giovanissimi, il Dipartimento della Salute Pubblica distribuirà nelle scuole condom gratuiti insieme ad opuscoli informativi sulle malattie sessuali e i rischi di una gravidanza precoce.

Una campagna simile era stata condotta nel 2009 nel Milwaukee e allora le gravidanze tra le teen agers erano crollate del 10% in meno di un anno.

Schermata-06-2456462-alle-10.42.18_emb4.png
© Riproduzione Riservata

Commenti