Anche il dating online ha il suo Facebook

TrueView è un'app a metà tra il matchmaking e il microblogging. Sarà un successo?

dating-online-trueview

– Credits: Adam Berry/Getty Images

Davide Decaroli

-

Si chiama TrueView e secondo alcuni analisti diventerà presto il Facebook del dating online. La nuova app per smartphone, ideata da tre giovani londinesi, Andrew Ibbotson, Matt Verity e Damian Mitchell, permette di aggiornare il proprio profilo minuto per minuto, esattamente come quando si bazzica sui più comuni social network. Con la differenza che qui non ci sono zii, cugini o amici felicemente sposati a osservaci, bensì una community di single in cerca dell'anima gemella.

Stando ai suoi creatori, TrueView rivoluziona il modo di approcciarsi ai siti d'incontro, perché sostituisce la staticità del classico profilo con il dinamismo e l'immediatezza degli aggiornamenti di stato tipici di piattaforme quali Twitter, Tumblr o Instagram.

Come spiega Ibbotson sul sito startups.co.uk: "I servizi di dating forniscono centinaia di risultati, molti dei quali si rivelano poco veritieri o del tutto falsi. Gli abbonati sono costretti a vendere se stessi, piuttosto che essere semplicemente se stessi". Detto in altre parole, scervellarsi per compilare il profilo perfetto sarebbe del tutto inutile, perché il papiro riversato nel pc "non permette di raccontare realmente la tua storia e di svelare chi sei veramente".

Il meccanismo di TrueView è quanto mai semplice: una volta effettuato il log in, possiamo postare un commento e segnalare un'attività, tipo "a cena al ristorante", "al pub a guardare la partita" o "incatenato alla mia scrivania". Altre opzioni prevedono l'upload delle foto e la segnalazione della nostra posizione, casomai volessimo strappare un appuntamento con un potenziale partner che si trova nelle vicinanze.

Il flusso di informazioni live diventa il biglietto da visita dell'utente, il modo per farsi apprezzare e per attirare l'interesse di chi ne condivide gusti e stile di vita. L'applicazione, segnalata da diversi esperti come una delle più interessanti dell'ultimo periodo, è del tutto gratuita. Ma ha una pecca: è disponibile solo per dispositivi Apple.

© Riproduzione Riservata

Commenti